Mostra ‘Vicino/Lontano’, alla scoperta del patrimonio culturale dell’immigrazione

42

colosseo roma

ROMA ‒ Parte il 28 ottobre e si conclude il 27 novembre la mostra fotografica ‘Vicino/Lontano’, in occasione del 50° anniversario della Convenzione UNESCO sulla Protezione del Patrimonio Mondiale culturale e naturale. In cinque diverse sedi ‒ al Palazzo delle Esposizioni e in quattro Biblioteche di Roma Capitale ‒verranno esposti oltre quattrocento scatti realizzati da fotografi provenienti dai Paesi con il maggior flusso migratorio verso l’Italia: attraverso le loro immagini, gli autori descrivono il patrimonio naturale e culturale della loro terra d’origine.

Le tematiche principali in base a cui sono state selezionate le immagini sono gli insediamenti umani e i movimenti dei popoli, la spiritualità, le feste e l’artigianato, la cucina, l’ambiente naturale e la biodiversità, i ritratti.

L’obiettivo della mostra è promuovere la reciproca conoscenza tra migranti e cittadini italiani, secondo il principio espresso nella Dichiarazione sulla Diversità Culturale dell’UNESCO per cui “nelle nostre società sempre più diverse è essenziale assicurare un’armoniosa interazione tra persone e gruppi con identità culturali plurali, varie e dinamiche, così come la loro volontà di vivere insieme”.

Le biblioteche coinvolte nell’iniziativa sono “Europea” a Piazza Fiume, “Ennio Flaiano” nel quartiere Tufello, “Pier Paolo Pasolini” a Spinaceto, “Enzo Tortora” a Testaccio.

Presso la Biblioteca Ennio Flaiano il 3 novembre alle 17,30 si svolgerà l’incontro “Bangladesh: immagini e parole”, con il fotografo Stefano Romano e con Sara Rossetti, esperta di migrazioni. Si parlerà del Bangladesh e dell’immigrazione a Roma della comunità bangladese.

Il 7 novembre alla Biblioteca Europea ci sarà l’appuntamento “Afghanistan: immagini e parole”, con Morteza Khaleghi, artista di origine afghana e Reza Heidari Shahbidak, fotografo ed educatore afghano.

Alla Biblioteca Enzo Tortora l’8 novembre ci sarà l’incontro “Progetto KENE: immagini e parole”, con Mohamed Keita, fotografo ivoriano, fondatore della scuola KENE e Luca Attanasio, giornalista ed esperto di fenomeni migratori.

Presso la Biblioteca Pier Paolo Pasolini il 18 novembre alle ore 18.00 è previsto: “Mali: immagini e parole”, incontro con Mohamed Keita, fotografo ivoriano, Giovanni Boccardi, Architetto Conservatore, ex Funzionario UNESCO e Amedeo Siragusa, Fondazione Pianoterra Onlus.

La mostra è promossa dalla Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, da Roma Culture, da Azienda Speciale Palaexpo, dall’Istituzione Biblioteche di Roma Capitale e dal Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto di Studi sul Mediterraneo.

L’ingresso è gratuito.