Poste: ricavi III trimestre +4,3%, utili +15%, record Ebit 9 mesi +27%

22
Matteo Del Fante, ad di Poste Italiane

ROMA – Poste italiane ha siglato il terzo trimestre con ricavi in crescita del 4,3%, a 2,88 miliardi di euro, e un utile netto cresciuto del 15%, a 461 milioni di euro. L’insieme dei primi nove mesi ha visto il fatturato aumentare del 3,6% a 8,7 miliardi e l’utile balzare del 21,4%, a 1,42 miliardi di euro. Il risultato operativo si è lievitato del 17,1% sul terzo trimestre, a 663 milioni, e del 27,2% sui primi nove mesi a 2,05 miliardi di euro, un record. Con un comunicato il gruppo riferisce di aver rivisto al rialzo la guidance per l’anno: ora l’Ebit è previsto a 2,3 miliardi.

Intanto i solidi risultati, aggiunge Poste, supportano la distribuzione di un acconto sul dividendo di 0,210 euro, relativo ai risultati 2022, con pagamento previsto il 23 novembre. La crescita è stata “solida” in tutte le linee di business in pagamenti e mobile, mentre la società rivendica una grande attenzione alla razionalizzazione dei costi, al fine di assicurare la profittabilità di lungo termine e mitigare le pressioni inflazionistiche. Mentre l’acquisizione di Lis, completata con successo, rafforza la leadership nel settore dei pagamenti e accelera la strategia “omnicanale” di gruppo.

Secondo l’amministratore delegato, Matteo Del Fante “grazie al continuo slancio alla crescita del business in tutte le divisioni del Gruppo e alla positiva implementazione del piano industriale “24SI Plus”, Poste Italiane ha realizzato una nuova performance finanziaria solida nel terzo trimestre” e un risultato operativo (Ebit) “record nei primi nove mesi dell’anno, pari a quasi il doppio rispetto al 2017. La chiave del nostro successo risiede nell’attivazione di motori per la crescita all’interno di ciascuna business unit, assicurando al contempo una continua razionalizzazione dei costi, con l’obiettivo di disporre della flessibilità necessaria per meglio adattarsi a un contesto macroeconomico in evoluzione”.

“Sulla base di questi solidi risultati e fiduciosi che la nostra implementazione del Piano “24SI” stia procedendo nella giusta direzione, abbiamo aggiornato la nostra guidance sul risultato operativo del 2022. Ora ci aspettiamo che l’utile operativo raggiunga per il 2022 2,3 miliardi, rispetto al nostro obiettivo originario di 2,0 miliardi, riflettendo la solida performance da inizio anno e consentendo la distribuzione di un acconto sul dividendo di 0,21 euro per azione. Grazie all’impegno e al senso del dovere mostrato dai nostri dipendenti – ha concluso Del Fante – al successo dell’esecuzione del Piano 24SI e alla nostra visione di lungo termine, Poste Italiane è ben posizionata per continuare a generare valore, anche in un contesto di mercato complesso”.