Referendum: Franceschini, “Sì per le riforme con le opposizioni”

ROMA – “Si al referendum non è punto di arrivo, deve essere il punto di partenza per riforme più larghe costituzionali. Il referendum può essere la partenza di una seconda parte della legislatura che provi a completare un percorso di riforme costituzionali che vada oltre i confini della maggioranza, includendo anche le forze di opposizione”.

Lo ha detto il ministro Dario Franceschini (foto) intervenendo alla Direzione del Pd.