Renzo Arbore: “Fiorello erede mio e di Boncompagni”

ROMA – “Un erede dei programmi che ho fatto con Boncompagni? Un po’ Fiorello, perché improvvisa come noi, basta andare in una sua trasmissione per vedere quanta energia c’è. Ora gli auguro il meglio per l’avventura che sta per cominciare su Rai Play. Parlando della sintonia che avevo con Gianni, la ritrovo molto anche in Lillo e Greg”.

Lo dice Renzo Arbore, presentando al Prix Italia la serata evento ‘No, non è la Bbc’, in onda giovedì 26 settembre alle 21.05 su Rai2, nella quale il conduttore ripercorre la carriera artistica del suo amico e complice di tanta radio e tv, Gianni Boncompagni (scomparso il 16 aprile 2017). Protagoniste tante chicche d’archivio e ospiti come Raffaella Carrà.

Testimonianze di Ambra Angiolini, Claudia Gerini, Sabrina Impacciatore, Giancarlo Magalli, Fabio Fazio e Piero Chiambretti. “Non sarà il solito programma commemorativo – assicura Arbore – Riserverà sorprese fin da una trovata che si scoprirà in apertura. Per realizzarlo ci siamo chiesti come Gianni avrebbe amato essere ricordato”.

“Lo abbiamo fatto alla maniera sua… e un po’ alla maniera mia”, dice infine l’artista foggiano, anche autore con Barbara Boncompagni, Ugo Porcelli, Giorgio Verdelli e Luca Nannini.