Risparmio: il 5 dicembre davanti al MEF il presidio dei risparmiatori che ancora attendono che i loro diritti vengano riconosciuti

ROMA – La Federconsumatori ha chiesto ufficialmente ai Sottosegretari Bitonci e Villarosa un incontro urgente per discutere i criteri che si intendono adottare per dare ristoro ai risparmiatori truffati.

“Abbiamo già denunciato – dice l’associazione – come, il mese scorso, il MEF abbia incontrato una serie di comitati e movimenti senza mai ricevere le Associazioni dei Consumatori, che in questi anni hanno difeso, tutelato e assistito decine di migliaia di risparmiatori vittime di fallimenti e investimenti a rischio. Giudichiamo inaccettabile e rischiosa la linea dell’abbandono dell’intermediazione con le Associazioni dei Consumatori iscritte al CNCU (Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti), in quanto sembra assecondare il consenso elettorale senza realmente affrontare e risolverei problemi dei risparmiatori truffati”.

Per questo la Federconsumatori ha organizzato, il 5 dicembre alle 11:30, un presidio davanti al MEF in cui i risparmiatori faranno sentire la loro voce e avanzeranno le loro richieste di tutela direttamente davanti al Ministro ed ai Sottosegretari.

“I risparmiatori che hanno visto andare in fumo i propri risparmi sono sempre più avviliti e stanchi di una situazione che ad anni di distanza ancora stenta a trovare una soluzione – si legge in una nota – Alla luce di questa grave situazione abbiamo chiesto che l’incontro con i Sottosegretari si svolga in tempi utili, entro i termini di discussione della legge di bilancio”.