Saldo e stralcio cartelle esattoriali, Confedercontribuenti: “Un inganno per i contribuenti”

ROMA – “La norma sul saldo e stralcio delle cartelle esattoriali è un inganno per i contribuenti onesti. Uno strumento inutile e non utilizzabile da milioni di contribuenti in Stato di difficoltà economica. Un tradimento per le imprese, lasciate fuori. Insomma una vergognosa operazione mediatica, inutile a fare uscire dagli incubi milioni di italiani”.

A dichiararlo è il presidente di Confedercontribuenti, Carmelo Finocchiaro, che chiede al Governo una modifica sostanziale della norma, “salvo che il Governo non abbia deciso di proporre una norma inutile, per pura demagogia elettorale. Ma noi contribuenti terremo conto di queste scelte sbagliate. Lo sappiano”.

Lo stesso parametro per identificare i soggetti che possono aderire, ovvero l’isee, è “un’invenzione che non fa giustizia delle situazioni reali dei contribuenti perché non fotografa la situazione dei contribuenti al momento dell’adesione e non tiene conto del reale indebitamento dei contribuenti”, conclude Finocchiaro.