Salvini replica alla lettera di Conte: “Ha fatto uno sfogo umorale, io devo rispondere con le leggi”

ROMA – “Conte ha fatto uno sfogo umorale io devo rispondere con le leggi: per questo è partita dal Viminale una lettera in punta di diritto”. Lo ha detto il ministro Salvini al termine del Comitato per l’ordine pubblico a Castel Volturno, in replica alla lettera aperta del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. “Una nave straniera in acque internazionali non si capisce che attinenza abbia con l’Italia. A che titolo chiede l’intervento alle autorità italiane? Qual è la ratio della domanda e della risposta? In silenzio abbiamo fatto scendere chi aveva necessità, senza letterine”, ha aggiunto Salvini.

“Con me i porti sono e rimarranno chiusi ai trafficanti e ai loro complici stranieri. Ed è chiaro che, senza questa fermezza, l’Unione Europea non avrebbe mai mosso un dito, lasciando l’Italia e gli Italiani soli come ha fatto negli anni dei governi di Renzi e del Pd”. Così il ministro Matteo Salvini. Sulla questione dell’assistenza ai minori a bordo “la Spagna, stato costiero che ha giurisdizione sulla Open Arms, compreso per ciò che riguarda la tutela dei diritti delle persone a bordo, andrebbe investita della questione posta nella nota”. Conte, ieri in una nota, ha richiamato l’attenzione sulla presenza a bordo della nave “di alcune decine di presunti minorenni in condizioni di emergenza e in pericolo di vita”.