Serbia e Kosovo, raggiunto l’accordo sui documenti per viaggiare

30

palazzo bruxelles

Per spostarsi tra i due Paesi sarà sufficiente la carta d’identità: i viaggiatori serbi diretti in Kosovo e i kosovari diretti in Serbia non saranno costretti a sostituire la loro carta d’identità con nuovi documenti provvisori rilasciati dal Paese d’arrivo

BRUXELLES ‒ “Abbiamo un accordo. Nell’ambito del dialogo facilitato dall’UE, la Serbia ha accettato di abolire i documenti di ingresso/uscita per i titolari di carta d’identità del Kosovo, e il Kosovo ha ha accettato di non introdurli per i titolari di carta d’identità serbi”.

Ad annunciarlo è l’alto rappresentante UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell.

“I serbi del Kosovo, così come tutti gli altri cittadini, potranno viaggiare liberamente tra il Kosovo e la Serbia utilizzando le loro carte d’identità”.

I due Paesi dei Balcani occidentali sono ai ferri corti da alcune settimane, e la situazione rischiava di precipitare. Il Kosovo, che è abitato prevalentemente da cittadini di etnia albanese e ma anche da minoranze serbe, si è staccato dalla Serbia nel 1999 e ha autoproclamato l’indipendenza nel 2008. La Serbia, però, non ha mai riconosciuto l’indipendenza del Kosovo. È uno Stato a riconoscimento limitato: la sua sovranità e indipendenza è riconosciuta da 98 stati membri dell’Onu su 193.

Il Kosovo pochi mesi fa aveva progettato di interrompere il riconoscimento dei documenti di identità serbi, stabilendo che i viaggiatori in arrivo dalla Serbia dovessero sostituire i loro documenti d’identità rilasciati dalla Serbia con nuovi documenti d’identità emessi da Pristina e validi per tre mesi. La mossa kosovara aveva subito innescato una serie di rivolte da parte delle minoranze serbe presenti nel nord del Kosovo.

Il primo ministro kosovaro Albin Kurti e il presidente serbo Aleksandar Vucic la scorsa settimana hanno quindi deciso di partecipare ai colloqui presieduti da Borrell, che puntavano ad allentare le tensioni, e l’obiettivo è stato raggiunto.