68^ edizione dei Campionati Sciistici delle Truppe Alpine (CaSTA) dal 26 al 29 gennaio 2016

68^ edizione dei Campionati Sciistici delle Truppe Alpine (CaSTA) dal 26 al 29 gennaioSi disputeranno in Alta Val Susa, sulle piste olimpiche di Torino 2006: il programma completo 

TORINO – Dal 25 al 29 gennaio 2016,  in Alta Val Susa, sulle piste olimpiche di Torino 2006, si disputerà la 68esima edizione dei Campionati Sciistici delle Truppe Alpine (CaSTA).

L’evento di sport e solidarietà sarà presentato dal Comandante delle Truppe Alpine, Generale Federico Bonato il prossimo 14 gennaio a Torino.

Numerose le competizioni sportive e gli eventi collaterali, tra cui concerti ed esibizioni della fanfara ed una spettacolare fiaccolata notturna, che animeranno un’edizione caratterizzata dall’impegno delle Truppe Alpine per la Federazione Italiana Sport Invernali Paralimpici (FISIP), a favore della quale verrà promossa una raccolta fondi per tutta la durata della manifestazione.

Ca.S.T.A. 2015 - Cerimonia di Chiusura CaSTA 2015 (San Candido,I Campionati Sciistici delle Truppe Alpine (Ca.S.T.A.) è un tradizionale momento di verifica dell’addestramento raggiunto dalle Unità dipendenti nel saper operare in ambiente montano innevato e sempre più importante appuntamento sportivo militare a livello internazionale. Molte le competizioni, che in un’intensa settimana impegneranno centinaia di soldati nel tentativo di aggiudicarsi i vari Trofei in palio ed i titoli di “Campione italiano dell’Esercito” nelle diverse discipline sportive. Nelle ultime giornate di gare è anche previsto lo svolgimento di 2 gare F.I.S. di Coppa Europa femminile, valide per l’assegnazione del Trofeo Truppe Alpine.

Ma la gara regina dei campionati è la gara dei plotoni: una durissima competizione su tre giornate, in cui i plotoni dei reggimenti alpini e delle nazioni estere partecipanti, completamente equipaggiati ed armati, affrontano un impegnativo movimento scialpinistico durante il quale devono superare varie prove selettive fra cui tiri con le armi in dotazione, lancio di precisione della bomba a mano inerte, una prova topografica ed una di ricerca travolti da valanga, due prove a cronometro di cui una trainando su akia un ferito ed uno slalom gigante, reso ancor più impegnativo dall’equipaggiamento individuale e lo zaino da 15 Kg sulle spalle.

Numerose saranno le attività collaterali, con l’immancabile il concerto della fanfara della Brigata Alpina “Taurinense” e la spettacolare fiaccolata composta da più di 200 sciatori, che contribuiranno a rendere particolarmente ricco ed avvincente il calendario di quelle che sono ormai conosciute come le “Olimpiadi degli Alpini”. Non mancherà anche un tributo a chi ha donato la sua vita per la Patria, con la deposizione di una corona ai monumenti ai caduti dei paesi ospitanti.

Ciliegina sulla torta sarà l’esercitazione tecnico tattica in cui, smessi i panni di atleti, gli Alpini daranno dimostrazione della loro capacità di vivere, muovere e combattere in ambienti estremi come quello innevato: elicotteri, mezzi cingolati da neve, motoslitte e sci, ma soprattutto Alpini, saranno protagonisti di un’azione a ritmi serrati, che proietterà lo spettatore in mezzo all’azione.

Un’edizione quella del 2016 caratterizzata dall’impegno delle Truppe Alpine per la Federazione Italiana Sport Invernali Paralimpici (FISIP), a favore della quale verrà promossa una raccolta fondi per tutta la durata della manifestazione.

Nella foto la premiazione del comandante del 4° reggimento Alpini paracadutisti, Unità vincitrice dell’edizione 2015