Confagricoltura: “necessario dialogo costruttivo all’interno della CUN”

confagricolturaMODENA – Sale la protesta degli allevatori, di tutti i commissari CUN e dei rappresentanti del mondo allevatoriale suinicolo che oggi non intendono partecipare al mercato di Modena dei suini grassi per rimarcare l’urgenza che all’interno della Commissione unica nazionale suini da macello riprenda un dialogo costruttivo.

La filiera produttiva ha ritenuto necessario non solo denunciare la situazione, ma effettuare una pausa di riflessione che permetta di evitare che il comportamento del singolo stravolga gli efficaci risultati del lavoro finora fatto nella CUN.

Lo sottolinea Confagricoltura in una nota stampa in cui si rimarca come “l’atteggiamento tenuto dalla presidenza di turno dei macellatori nelle ultime due settimane nelle riunioni della CUN suini da macello sia assolutamente personalistico, irresponsabile e dannoso”.

Ad avviso dell’organizzazione degli imprenditori agricoli “la posizione tenuta pregiudica quello che finora è stato il faticoso e difficile lavoro portato avanti da tutta la filiera produttiva, mortificando inoltre la serietà e le professionalità presenti nella CUN, che hanno permesso, in un periodo di mercato positivo, di svolgere un evidente ed efficace lavoro di squadra”.

“Dispiace constatare – ha proseguito Confagricoltura – che appena il mercato è andato in sofferenza la parte macellatori non ha esitato ha forzare i rapporti ed esasperare la trattativa, venendo meno al quel senso di responsabilità che è fondamentale per il buon funzionamento della CUNe di fronte al quale la parte allevatoriale non è mai venuta meno”.

“É bene sottolineare – avverte infine Confagricoltura – che la mancanza della rappresentanza allevatoriale andrà ad inficiare il prezzo che dovesse eventualmente essere fatto comunque dalla deputazione camerale”.