Per la Pasqua 2017 gli italiani scelgono il mare, ma sono tanti quelli che si dividono tra montagna, città d’arte e laghi

MILANO – Se lo scorso anno gli italiani si erano divisi tra mare e montagna, per il 2017 la scelta delle mete dove trascorrere il weekend di Pasqua appare decisamente più chiara.

Secondo Casa.it, che ha analizzato le richieste degli italiani per le case vacanza nella settimana di Pasqua, considerando un bilocale per quattro persone, il 51% punterà alle località balneari, complice bel tempo e temperature miti, mentre la restante parte si sposterà più o meno equamente verso altre destinazioni. L’alta “quota” e i sentieri alpini saranno l’opzione preferita dal 18%, il 16% approfitterà del ponte festivo per un viaggio culturale nelle città d’arte, mentre il 12% deciderà di godersi qualche giorno di relax al lago, all’insegna della natura e del benessere.

LOCALITÀ DI MARE

Tra le principali località marittime scelte per godere dei primi raggi di sole nel weekend di Pasqua, troviamo la Liguria con prezzi a settimana per le case vacanza che variano notevolmente: dalle più costose Monterosso al Mare e Santa Margherita Ligure (630€), a Lerici e Alassio (595€), Levanto (560€), Sanremo (525€), Camogli e Diano Marina (490€), sino ad Arenzano (294€), la più economica in assoluto. Tra le altre destinazioni più ambite troviamo in Sardegna San Teodoro (455€), Caorle (420€) in Veneto, Rodi Garganico (406€) in Puglia e in Toscana Marina di Pietrasanta (511).

LOCALITÀ DI MONTAGNA

La scelta delle piste e dei percorsi di trekking dove trascorrere il weekend di Pasqua ricade su Cervinia (770€), in Valle d’Aosta, prima nella classifica delle più richieste, seguita da Cortina d’Ampezzo, che si conferma tra le più care in Italia: il costo per una settimana di un bilocale per quattro persone è di 1.050€.

Più in generale, tra le principali mete montane del ponte pasquale primeggia la Valle d’Aosta, che propone, oltre a Cervinia e Courmayeur (1.085€), la più costosa a livello nazionale, anche soluzioni a prezzi più convenienti: una settimana in una casa vacanza a Valtournanche costa in media 595€, a Gressoney La Trinité  560€, a Champoluc e La Thuile 546€. In assoluto le più economiche sono Gressoney St. Jean (490 €), Morgex (441 €), Antagnod (420 €) e Pila (385€).

Sempre guardando alle località più scelte, in Trentino-Alto Adige si segnalano: Madonna di Campiglio (840€ la settimana), Folgaria (784€) e Alpe di Siusi (770€); in Piemonte Sestriere (686€), Sauze d’Oulx (665 €) e San Sicario (560€); in Lombardia Bormio (630€), famosa per le rinomate acque termali presenti nel suo territorio, e Madesimo (420€).

CITTA’ D’ARTE

Per il 16% che ha preferito un weekend all’insegna della cultura, Roma si conferma la destinazione più richiesta, seguita da Firenze e Venezia. La Città Eterna ha ottenuto un +17,4% di richieste rispetto a Pasqua 2016, e un incremento del 10% sul prezzo medio di una casa vacanza. Trascorrere una settimana tra le bellezze romane costa in media 616€, un prezzo di poco inferiore ai 651€ di Firenze. Se una settimana tra le calli e le gondole di Venezia costa mediamente 840€, chi ha scelto di unire arte e risparmio ha preferito Palermo (336€) e Napoli (420€).

LAGHI

Anche quest’anno c’è chi preferisce rifugiarsi nella natura e tranquillità dei laghi. Tra le località più gettonate troviamo quelle affacciate sul Garda come Desenzano del Garda (455€), Sirmione (595€) e Padenghe sul Garda (490€), che, rispetto a Pasqua 2016. Resta tra le mete preferite il lago di Como, che vede le sue due sponde sfidarsi sui prezzi per una settimana di relax: quella comasca con Bellagio, dove una casa vacanza costa in media 525€, e Laglio (476€), mentre quella lecchese con Varenna (441€), Mandello del Lario (420€) e Dervio (385€). Sul lago Maggiore Stresa e Arona conquistano un buon numero di italiani: trascorrere qui il weekend di Pasqua costa rispettivamente 511€ e 469€.