Lamezia Terme, ‘ndrangheta: arrestati sette affiliati alla cosca Giampà

pattuglia polizia operazione Perseo a CatanzaroLAMEZIA TERME (CZ) – Questa mattina, sono state arrestate sette persone, appartenenti alla ’Ndrina Giampà di Lamezia Terme (Catanzaro). Gli stessi erano stati coinvolti nell’operazione “Perseo”, a luglio del 2013; nell’operazione gli uomini della Squadra mobile di Catanzaro avevano dato un duro colpo al clan riconducibile alla famiglia Giampà.

Dopo essere stati assolti in primo grado, sono stati tutti condannati davanti al giudice di appello a seguito di ricorso formulato dalla Procura distrettuale di Catanzaro.

Ciascuno degli arrestati è ritenuto responsabile di associazione a delinquere di stampo mafioso con riguardo ai loro trascorsi di affiliati alla cosca.

In particolare uno degli arrestati, per concorso esterno alla ‘Ndrina, è accusato di aver nascosto nei locali di sua proprietà i mezzi che la gli affiliati utilizzavano per realizzare le azioni criminali.

Due arrestati devono rispondere di una serie di episodi estorsivi a carico di imprenditori che gestivano esercizi commerciali a Lamezia Terme.

Altri due, di cui uno attualmente collaboratore di giustizia, sono coinvolti nel duplice omicidio consumato a danno di Vincenzo Spena e Domenico Vaccaro, uccisi a Lamezia Terme nell’ottobre del 2006. Questo episodio di sangue fu messo a segno in orario di apertura dei negozi, nel pieno centro cittadino davanti ad una concessionaria di autovetture.

Gli indagati sono stati rintracciati dai poliziotti della Squadra mobile di Catanzaro, del Commissariato di Lamezia Terme e dagli equipaggi del Reparto prevenzione crimine di Vibo Valentia, nelle loro abitazioni di Lamezia Terme e in alcuni centri in cui trascorrevano il periodo estivo.