“Presa d’Incoscienza” ecco il nuovo album di Riccardo D’Avino

"Presa d'Incoscienza" ecco il nuovo album di Riccardo D'Avino

“Presa d’Incoscienza” è l’EP del cantautore torinese Riccardo D’Avino. Uscito il 30 marzo, non un disco di protesta verso il mondo, ma una presa di consapevolezza nei confronti di se stessi

“Presa di incoscienza” è una vera e propria dichiarazione d’intento nei confronti della vita e della società, da parte del cantautore Riccardo D’Avino. Il filo conduttore che lega il tutto è la consapevolezza della propria incoscienza (o coscienza, a seconda di come la si vuole vedere), sia essa caratteriale, sociale, etica.

“Ho sempre considerato la musica come il mio mezzo di espressione più efficace. La considero la mia migliore arma per poter veicolare il mio pensiero, le mie idee. Credo di essermi innamorato della chitarra fin da piccolo, tra le cassette dei Led Zeppelin di mio padre in macchina e le chitarre che sentivo ogni domenica in chiesa a messa.

A 13 anni, finalmente, mi feci regalare la mia prima acustica per Natale. Da quel momento in poi, non ho più abbandonato questo strumento. Sono arrivati i primi insegnanti, le prime chitarre elettriche, poi i primi gruppi, le prime canzoni. A 18 anni invece, mi sono innamorato dello strumento voce. E’ stato in quel periodo che ho iniziato a sentire l’esigenza di cantare. Cantavo sempre, per strada, in classe, a casa. Urlavo, a dire il vero, ma sentivo che era un’altra cosa di cui avevo bisogno, che mi faceva stare bene.

Ho iniziato a prendere lezioni di canto. Poi, quasi subito, a propormi anche come cantante nei gruppi in cui suonavo. Alla fine, ho deciso di cantare da solo le cose che scrivevo. Mi è sempre piaciuta tanta musica diversa, anche se sicuramente la mia passione è incentrata sul rock e sulla canzone d’autore. Da non trascurare comunque il mio passato, in cui ero un grande ascoltatore di metal prima e di alternative rock e punk dopo”. Riccardo D’Avino.