“100 vite”, alla scoperta della nuova canzone di Loredana Errore [VIDEO]

loredana errore

Dal 30 aprile in radio e digitale disponibile anche in formato vinile 45 giri autografato, il brano scritto da Paviani e Rizzardelli

Da giovedì 30 aprile disponibile in rotazione radiofonica e su tutte le piattaforme digitali “100 Vite” (Azzurra Music), il nuovo singolo di Loredana Errore. Il brano scritto da Stefano Paviani e Riccardo Rizzardelli, parla di quante vite non bastino perché si ritorni ad amare, del bisogno di dirsi le cose abbandonando orgoglio, rabbia e mancate occasioni.

«In queste 100 vite ci ho rivisto la mia che mi ha accompagnato per tutti questi 35 anni, in infinite volte che mi ha fatto rinascere svelandomi segreti profondi che solo avendoli vissuti posso provare! – commenta Loredana Errore – Non abbiamo paura di dirci di quanto abbiamo sbagliato e che senza volerlo. Abbiamo ferito amaramente, siamo coraggiosi nel riconoscerci veri e fragili dove l’imperfezione ci ha dato l’equilibrio con la pace e l’amore. Un abbraccio dal mio profondo e buona rinascita a tutti!».

«Una vita ci viene regalata ma le altre 99 credo siano tutte a carico nostro. Vivere tutto e tanto, è la responsabilità più grande che dobbiamo prenderci. Ho passato alcuni anni ad anestetizzarmi dal mondo e ho avuto paura di perdere quello che stavo costruendo. – racconta Stefano Paviani, autore del brano – 100 vite è la telefonata che avrei fatto per chiedere scusa, se non fossi riuscito a riprendermi in mano. È un tributo a tutte le altre 99 vite che adesso sono grato di poter vivere. Spero che la mia esperienza raccontata dalla splendida voce di Loredana sia utile a qualcuno, intrappolato in una vita, che non è vita davvero».

Il singolo è disponibile anche in formato vinile 45 giri autografato (link per pre order: https://bit.ly/34SjIEZ).

TESTO DI 100 VITE – LOREDANA ERRORE

Si parte che piove si torna due soli
ci siamo trovati di fianco, negli anni peggiori
ci siamo raccolti da terra
raccontandoci i nostri fantasmi
fatti di tutte le nostre paure o come dicevano gli altri
fatti di cose che é meglio non dire
cos’è successo? Niente di grave
è la vita e non lascia passare le colpe
l’orgoglio e la fame
Ti vedo ieri che annusi la neve, ci vedo ballare
trema la voce anche se ti scrivo e cancello
non ti sento da 100 vite fa niente
ne ho solo una ti chiamo che è meglio
Faccio pausa di un minuto per telefonarti
voglio dirti che ho sbagliato e so che arrivo tardi
per uscire questa sera ho voglia di vederti
non importa che ore sono e quanti sono i pezzi
se nonostante tutto ti voglio ancora bene
perché niente è come prima se niente ci appartiene
faccio pausa di un minuto per telefonarti
voglio dirti che ho sbagliato prima che sia tardi
Si parte per non ritornare
viviamo soltanto all’inizio e la chimica ha sempre ragione
ci siamo protetti da quello che più o meno a tutti succede
l’abitudine uccide
ma chi l’ha detto che siamo sbagliati se insieme
non siamo riusciti a dormire mai
dimmelo tu come fai con la gente
a far finta di ridere a tutto il loro niente a restare indifferente
quando di fronte ad un sorriso diverso
cerchi la copia di quello che hai perso
rispondimi senza timore
se lo schermo si accende
fai rispondere il cuore
Faccio pausa di un minuto per telefonarti
voglio dirti che ho sbagliato e so che arrivo tardi
per uscire questa sera ho voglia di vederti
non importa che ore sono e quanti sono i pezzi
se nonostante tutto ti voglio ancora bene
perché niente è come prima se niente ci appartiene
faccio pausa di un minuto per telefonarti
voglio dirti che ho sbagliato prima che sia tardi
Faccio pausa di un minuto per telefonarti
vorrei dirti un’altra cosa prima che riattacchi
io nonostante tutto ti voglio ancora bene
perché niente è come prima se niente ci appartiene
faccio pausa di un minuto per telefonarti
voglio dirti che ho sbagliato e non conto i pezzi
vuoi uscire questa sera che ho voglia di vederti
vorrei dirti un’altra cosa prima che riattacchi
passeranno 100 vite prima che sia tardi