Assegno unico riconosciuto a 9 milioni di famiglie

10

ROMA – L’Inps, con l’obiettivo di “rendere massimo il valore generato dai propri servizi ai cittadini e alle imprese”, e “ponendo al centro la persona”, ha “investito in progettualità tese a differenziare le modalità di accesso, per renderle adeguate rispetto al ‘target’ di utenza a cui il servizio è rivolto”: ad esempio, i bonus Covid sono stati “garantiti in un arco temporale brevissimo a milioni di utenti”, così come l’Assegno unico è stato “riconosciuto a 9 milioni di famiglie in pochissimi mesi” e l’assegno di accompagnamento “riconosciuto, nel primo trimestre del 2022, a circa 320.000 utenti con un procedimento istruttorio completamente automatizzato”.

Parola del direttore generale dell’Inps Vincenzo Caridi, intervenuto oggi al Forum Pa, a Roma. L’Istituto, ha specificato, “si propone di diventare un punto di riferimento, un centro di eccellenza nell’uso dei sistemi di Intelligenza Artificiale, allo stesso tempo, però, si propone di diventare un’eccellenza anche in ‘cyber security’. Dobbiamo – ha proseguito il direttore generale – imparare ad utilizzare le nuove tecnologie innovative, accompagnandole con l’evoluzione degli standard di sicurezza che devono salvaguardare l’Istituto e i suoi servizi rispetto ad una criminalità ‘cyber’ sempre più evoluta e sempre più organizzata”.