“Back and forth. Giulio Turcato / Vincenzo Marsiglia” fino al 26 Aprile 2022

25
FOLD_SCREEN_MARBLE_2022_Incisione_su_marmo_Black_Kafe_24x18x4cm_Ph_Federico_Gherardi

L’esposizione “Back and forth. Giulio Turcato / Vincenzo Marsiglia” sarà prorogata fino al 26 aprile presso Galleria Giovanni Bonelli

LUCCA – Prosegue fino al 26 aprile 2022 l’esposizione “BACK AND FORTH. Giulio Turcato / Vincenzo Marsiglia”, promossa dalla Galleria Giovanni Bonelli nello spazio di Piazza Duomo n. 1 a Pietrasanta (LU).

La mostra, a cura di Beatrice Audrito, mette a confronto due generazioni di astrattisti, inaugurando un nuovo format espositivo che si propone di far dialogare, in un unico ambiente, un artista storico e un artista contemporaneo così da metterne in luce la visione comune, le affinità e le peculiarità della ricerca.

Il primo appuntamento pone in dialogo Giulio Turcato (Mantova, 1912 – Roma, 1995), uno dei pittori più importanti dell’arte italiana del secondo dopoguerra e tra i principali esponenti dell’astrattismo informale, con Vincenzo Marsiglia (Belvedere Marittimo, Cosenza, 1972), un artista contemporaneo appartenente alla nuova generazione astratta, che ha individuato il suo segno distintivo in un simbolo grafico semplice a forma di stella a quattro punte chiamato “Unità Marsiglia” (UM). Un modulo che l’artista declina all’infinito con tecniche e materiali diversi per sperimentarne tutte le possibilità creative servendosi della pittura, della scultura e di mezzi digitali.

Due artisti di generazioni diverse, accomunati però dalla stessa attitudine multidisciplinare e da un forte dinamismo progettuale che si esprime con assoluta libertà per giungere alla costruzione coerente di un proprio codice formale, rimanendo sempre aperti al nuovo. È proprio questa straordinaria apertura alla modernità a far avvicinare Giulio Turcato al mondo della scienza. La sua passione per la biologia, la fisica, e l’astronomia guiderà tutta la sua produzione: dalla geniale creazione delle Superfici Lunari degli anni Sessanta, al tema dell’esplorazione cosmologica del cielo sviluppato negli Itinerari e negli Arcipelaghi degli anni Settanta, fino alle Acropoli e alle superfici luminose dei Cangianti. Un linguaggio in continua evoluzione che si rintraccia anche nella produzione di Vincenzo Marsiglia, a cominciare dalle prime opere in feltro, realizzate ritagliando e applicando la stella a quattro punte sulla superficie del quadro per creare sentieri e itinerari che somigliano a mappe cromatiche dalla cosmologia giocosa. Un escamotage con il quale l’artista si libera dalla pratica pittorica per “fare pittura” con altri mezzi: dalla scultura all’installazione digitale, ricercando rapporti ed equilibri sempre nuovi che cambiano con il variare della luce e stimolano l’interazione del fruitore.

Ricorrendo a una grande varietà di supporti e mezzi espressivi al fine di coprire una vasta gamma di possibilità, i due artisti danno vita ad un mondo astratto dove forme, colori, luce e movimento non sono più meri strumenti narrativi ma divengono il contenuto stesso della loro arte. BACK AND FORTH, come suggerisce il titolo, permette al fruitore di muoversi “avanti e indietro” nel tempo come nello spazio, per compiere un’incursione libera tra passato e presente attraverso la produzione di Giulio Turcato e Vincenzo Marsiglia.

La mostra è visitabile fino al 26 aprile 2022, da giovedì a domenica con orario 16.00-20.00.