“Boy”, alla scoperta del nuovo brano dei The Killers

69

boy the killers

Flowers: “Con “boy” voglio dire a me stesso e ai miei figli di non pensarci troppo. E di cercare le “frecce bianche” nella loro vita”

The Killers hanno pubblicato il 5 agosto il loro primo nuovo brano dopo l’uscita, lo scorso anno, dell’acclamato settimo album Pressure Machine. “boy” è stata scritta dal frontman Brandon Flowers, prima ancora di Pressure Machine e nel testo tratta temi che lo hanno portato a scrivere e registrare quell’album.

“boy” è prodotto da The Killers e li vede nuovamente collaborare con Stuart Price il produttore già al fianco della band nel 2009 per Day & Age (album che conteneva la hit Human) e Shawn Everett.

Così come Flowers lo racconta: “Questa è stata la prima canzone scritta dopo che abbiamo dovuto cancellare il tour di Imploding The Mirage a causa della pandemia. Mi ero da poco trasferito nello Utah e avevo iniziato a fare dei viaggi a Nephi, dove ero cresciuto. Ho scoperto che il luogo da cui avevo voluto disperatamente fuggire a 16 anni era ora un luogo in cui non potevo smettere di tornare. Ho un figlio che si avvicina all’età che avevo io in quel periodo della mia vita. Con “boy” voglio dire a me stesso e ai miei figli di non pensarci troppo. E di cercare le “frecce bianche” nella loro vita. Per me ora le frecce bianche sono mia moglie, i miei figli, le mie canzoni e il palcoscenico”.

“boy” arriva dopo i concerti della band in tutta Europa (al Milano Summer Festival il 21 giugno scorso per l’unica data italiana) in un tour che, solo nel Regno Unito, li ha visti esibirsi negli stadi davanti a oltre 400.000 fan, in spettacoli che hanno incluso due live all’Emirates Stadium di Londra e prima della partenza del loro tour nordamericano negli stadi e nelle arene – il più grande della loro carriera fino ad oggi – che prenderà il via a Vancouver il 19 agosto terminando poi a dicembre in Australia.