“Bygone days”, il nuovo singolo di I’m Erika: l’intervista

57
i'm erika
I’m Erika – Nando Luceri

“Ho deciso di cantare questo brano perché me ne sono innamorata sin dalla prima volta che l’ho ascoltato, mi è piaciuto il mood e la melodia”

In radio dal 4 maggio “Bygone days”, scritto da Franco Micalizzi con il testo di Chuck Rolando, il nuovo singolo di I’m Erika, anticipazione del nuovo album presto disponibile. I’m Erika ci ha gentilmente concesso un’intervista.
“Bygone days” è il tuo nuovo singolo, di che cosa si tratta?
Questo brano, scritto dal Maestro Franco Micalizzi, nasce come strumentale, e mi è piaciuto dal primo ascolto. Successivamente è stato scritto un testo dal mitico Chuck Rolando, ed è nata così questa meravigliosa canzone. Il tutto è stato arricchito da due strumenti che io amo molto, il sax baritono ed il trombone, suonati rispettivamente da Massimiliano Filosi e Luca Giustozzi, due bravissimi colleghi e amici.
Cosa vuoi comunicare con questo brano?
Il testo scritto da Chuck Rolando, parla della sensazione che si prova quando finisce una storia d’amore, che tutti almeno una volta nella vita, abbiamo provato. Ma nonostante tutto, l’importante è rialzarsi e riprendere in mano la propria vita, facendo comunque tesoro di ciò che si è imparato, nel bene e nel male.
Questo lavoro anticipa il nuovo album, di che cosa si tratta?
L’album uscirà prima dell’estate, e sarà il mio secondo lavoro da solista. Come il primo disco, anche questo porta la firma di Franco Micalizzi e tanti musicisti d’eccezione. Ci saranno brani in lingua inglese, portoghese ed italiano, e anche qualche mio inedito. 
Come ti sei avvicinata al mondo della musica?
Non mi sono avvicinata alla musica, essa ha sempre fatto parte di me; la mia mamma è una cantante, il mio papà nel tempo libero fa il DJ, mia nonna e mio nonno amavano la musica, lei cantava, lui suonava la fisarmonica. La musica è nel mio DNA, e spero che questo possa arrivare al pubblico quando ascolterà il mio disco. Perché per me non è solo un lavoro o una passione, ma è la mia vita.