“Cani sciolti”, alla scoperta delle canzoni dell’album di Francesca Michielin

139

Il nuovo progetto discografico di Francesca Michielin è in uscita venerdì 24 febbraio accompagnato dall’uscita in radio del singolo “Quello che ancora non c’è”

francesca michielin
Francesca Michielin – Ph. Alessandro Treves

Francesca Michielin inaugura uno speciale 2023 con il nuovo progetto discografico Cani Sciolti, in uscita venerdì 24 febbraio accompagnato dal singolo in radio quello che ancora non c’è, alla vigilia del suo compleanno, per Columbia Records/Sony Music Italy, già disponibile in pre-save e pre-order a distanza di tre anni dall’ultimo disco in studio FEAT (Stato di Natura).

Intenso viaggio dal sapore cantautorale di cui Francesca Michielin ha curato in prima persona ogni singolo particolare dalla scrittura all’arrangiamento e alla produzione, l’album è composto da 12 tracce – 9 inediti in aggiunta ai singoli già editi bonsoir e occhi grandi grandi e al brano un bosco – dal carattere intimo e personale, sincero e spudorato: i cani sciolti sono le persone dissidenti, quelle che non stanno al guinzaglio o alle regole, e così il titolo del disco è la metafora del lavoro alla base di questo grande progetto maturato nel tempo, che ha mosso i primi passi tra il 2016 e il 2017, e dei temi che la cantautrice e polistrumentista riesce a sviscerare track by track.

Cani Sciolti, registrato “in famiglia” a Bassano del Grappa e finalizzato a Milano, con la direzione artistica di Francesca Michielin e Giovanni Pallotti, è stato mixato da Ricky Damian – premio Grammy “Record of the year”, Pino Pinaxa e Gigi Barocco. Le canzoni, nude e crude, prive di sovrastrutture, si possono definire, anche dal punto di vista musicale, coraggiose e “controcorrente”, completamente suonate, realizzate molto spesso in presa diretta, quasi a celebrare gli artisti internazionali che l’hanno ispirata fin da piccola (Rage Against the Machine, The Verve, Red Hot Chili Peppers, Foo Fighters, Radiohead, etc.), con una forte attitudine grunge.

occhi grandi grandi apre il disco con il suo attacco nu metal, seguito dalle pennellate anni 2000 di un bosco e dalle tracce a sfondo sociale padova può ucciderti più di milano e ghetto perfetto; quello che ancora non c’è è il primo brano scritto di Cani Sciolti, che si colloca tra canzoni d’amore come piccola città – dedicata alla provincia, claudia – da donna a donna, verbena – sentimento di fine estate, d. punto – prima vera autobiografica di Francesca, e temi più analitici dal pop sound di bonsoir alle riflessioni di carmen – nata da un dialogo con Carmen Consoli – e di non sono io la tua solitudine.

La cover, una sorta di finto dipinto, rispecchia al cento per cento la natura del progetto e mantiene la connessione con l’arte già presente nelle copertine dei singoli che l’hanno anticipato, intrappolando la realtà e mantenendola nel tempo. Struccata e spettinata, Francesca piange lacrime che si trasformano in fiamme: una rappresentazione della sua maturità personale e artistica, e una sublimazione del dolore e di certe problematiche che attraverso la musica è riuscita ad affrontare e a trasformare in qualcosa di potente come il fuoco. Il booklet, scritto e disegnato da lei, è realizzato sottoforma di diario.

Cani Sciolti arriva sulla scia di un 2022 costellato di soddisfazioni: tra lo straordinario successo riscontrato alla conduzione di X Factor, il suo primo romanzo Il cuore è un organo e la seconda stagione del podcast MASCHIACCI di cui è autrice e conduttrice, Francesca Michielin non ha mai smesso di stupirci con il suo talento e la sua poliedricità.

Ad anticipare la sua release, debutta con il doppio sold-out nella sua Bassano del Grappa mercoledì 22 e giovedì 23 febbraio il bonsoir! – Michielin10 a teatro, tour prodotto da Vivo Concerti che ha già registrato numerosi tutto-esaurito. È davanti ad alcune delle platee più suggestive d’Italia che Francesca riabbraccerà il suo pubblico e presenterà live per la prima volta i brani inediti del nuovo disco, insieme ai grandi successi che l’hanno resa una delle cantautrici e polistrumentiste più apprezzate della scena contemporanea italiana.

I biglietti per il bonsoir! – Michielin10 a teatro sono disponibili su www.vivoconcerti.com e nei punti vendita autorizzati.

Francesca Michielin presenterà Cani Sciolti e incontrerà i suoi fan anche in occasione di tre speciali instore a Padova, Roma e Milano. I dettagli:
Ven 24/02/2023 – Padova – Mondadori Bookstore – Via Cavour 16 – ore 17.30
Mar 28/02/2023 – Roma – Discoteca Laziale – Via Mamiani 62/a – ore 18.00
Lun 06/03/2023 – Milano – Feltrinelli – Piazza Piemonte 2 – ore 18.30

Ufficio Stampa Goigest
Ilaria Melotti ilaria@goigest.com

Responsabile Promozione Columbia Records
Eleonora Romanò eleonora.romano@sonymusic.com

TRACK BY TRACK

1. occhi grandi grandi
Lyrics/Music by Michielin, D. Petrella; Produced by Michielin, Zef
Apre Cani Sciolti l’attacco “nu metal” di occhi grandi grandi, uno dei singoli che hanno anticipato la release del nuovo disco e che, accompagnato dal videoclip (disponibile solo su TikTok) girato per intero nella località d’origine di Francesca – Bassano del Grappa, ha aperto una finestra sull’immaginario e sui colori di questo progetto. Con una linea di basso ricorrente, leitmotiv del brano, una frenetica passeggiata nel bosco si intreccia a un abito bianco e a un telo azzurro, metafora del paracadute, elemento e parola chiave del brano, che ci soccorre nei momenti di difficoltà. Nel flusso di fotografie che caratterizzano questo suggestivo viaggio, un campo di grano e scatti veloci si susseguono gradualmente accompagnando l’arrivo della notte.

2. un bosco
Lyrics/Music by Michielin; Produced by Michielin, E.D.D.
Pubblicato lo scorso venerdì, 17 febbraio, un bosco racconta la voglia di ripristinare il senso di genuinità delle relazioni dell’adolescenza, tra note classiche di un pianoforte e percussioni più elettroniche. Brano che sta particolarmente a cuore alla cantautrice, la dimensione è quella degli anni 2000, anche nella dinamica strofa-ritornello. Il motorino, i Green Day, Piccoli Brividi: la storia di due persone che si ritrovano da grandi, cambiate e lontane, con il bisogno di ristabilire il contatto e l’equilibrio di una volta.

3. padova può ucciderti più di milano
Lyrics/Music by Michielin; Produced by Michielin, E.D.D.
Canzone di denuncia verso una società che pecca di pressapochismo, padova può ucciderti più di milano è ricca di riferimenti culturali e letterari: “Cartongesso” è un libro di Francesco Maino che paragona la stabilità di una determinata collettività a muri di cartongesso, che sembrano solidi ma in realtà non lo sono; il verso “Mille alberi distrutti e salgàri immaturi intorno a me” deriva da un detto veneto molto famoso che dice “non sei un albero, non sei un cespuglio, sei un salgàro”, un salice che si vede in campagna e ha sembianze dubbie di uno strano arbusto, come se tanti ideali di questi luoghi, come il concetto di accoglienza, siano stati distrutti per fare spazio a idee facilone, senza forma; tutto il ritornello è ispirato a “Libera nos a malo” di Luigi Meneghello, e rappresenta il paradosso che si vive nel rapporto tra fede e ideali politici.

4. ghetto perfetto
Lyrics/Music by Michielin, Fulminacci; Produced by Michielin, E.D.D.
Canzone a sfondo sociale, sull’inclusività, ghetto perfetto è una sorta di utopia in cui ogni diversità e espressione di sé è accolta in uno spazio unico. Il ritmo è esplosivo e decisamente incalzante, quasi esotico. Dal punto di vista semantico il titolo è un controsenso: il ghetto che per definizione “emargina”, qui è perfetto, dentro c’è posto per tutti e tutte indistintamente. “Vado a contaminarmi, vado a fare un bagno nella foresta”, Francesca Michielin racconta il bisogno di uscire dalla propria comfort zone, di aprirsi per crescere. Lo slogan del pezzo è “Gli spazi diversi si specchiano uguali”: ognuno di noi può creare uno spazio diverso da quello degli altri ma sarà sempre portato a specchiarsi con chi incontra. Nel verso “Se mi sciolgo poi mi diffonderò” torna il concept di Cani Sciolti, quando ti disperdi puoi essere ovunque, libero.

5. quello che ancora non c’è
Lyrics/Music by Michielin; Produced by Michielin, E.D.D., Massimo Colagiovanni
Primo brano di Cani Sciolti ad essere stato scritto, quello che ancora non c’è snoda su un tappeto piano-voce in crescendo il concetto di “identità” in tutte le sue sfaccettature, di genere e di personalità. A 21 anni ci si chiede da che parte andare, si ha fretta di cercarsi e di capirsi. Francesca Michielin racconta in questa ballad emozionale di come ha imparato a non avere fretta, capendo che ogni consapevolezza arriva da sé al momento giusto.

6. piccola città
Lyrics by Michielin, Vasco Brondi; Music by Michielin; Produced by Michielin, E.D.D.
piccola città è una delicata canzone d’amore dedicata alla provincia, nata con la decisione di ritrasferirsi da Milano a Bassano del Grappa. “Chissà che ne sarà della mia vita in questa grande casa, in questa piccola città” evidenzia vistosamente la componente del vivere in un luogo che non è un centro urbano, che non è frenesia: a volte bisogna scegliere tra quello che dovremmo fare e quello che ci rende felici.

7. bonsoir
Lyrics/Music by Michielin, Urciullo (Colapesce), Faini; Produced by Michielin, Dorado Inc., Brun
Singolo apripista della nuova fase artistica di Francesca, bonsoir è il frutto di un lungo e elaborato processo di creazione, un vero e proprio comeback a tutto ritmo che ruota attorno al concetto di panta rei, tutto scorre “come il fiume di cui parlo nel testo, che ricorda quello vicino a cui sono nata” – ha raccontato la cantautrice. bonsoir è pop sound su cui sognare, un gioco di allitterazioni, intrecci di immagini e dettagli evocativi, capace di trasportarci dai suggestivi paesaggi di Mont Saint Michel alle viuzze animate di Napoli. Àncora che diventa ancòra è il ponte che unisce il tema dell’acqua al cuore comunicativo del testo, colonna portante del suo messaggio: “L’‘àncora’ è la sicurezza di restare saldi alle radici e quindi fedeli a un modello sicuro. Tutto questo si trasforma, evolve e diventa ‘ancòra’: sono dieci anni che realizzo i miei sogni e vivo la mia vita con un fiume che mi scorre dentro, alzo il volume, di nuovo, e mi sento come un vulcano”.

8. verbena
Lyrics/Music by Michielin; Produced by Michielin, Pallotti, F. Fugazza
verbena è un brano che parla da sé, una reference alla generazione di Francesca, classe 1995. È il racconto di una storia d’amore di fine estate che rievoca alla perfezione la sensazione di malinconia di un settembre che arriva e scombina le carte in tavola.

9. Carmen
Lyrics/Music by Michielin; Produced by Michielin, E.D.D., F. Fugazza
Dedicata e ispirata a una conversazione avuta con Carmen Consoli a dicembre 2021, questa canzone dal carattere metalinguistico spiega l’importanza di avere coraggio e di portare avanti le proprie idee. In un periodo storico in cui vige la regola dell’“usa e getta”, sognare è un dovere. Non si può fare musica con lo scopo di deludere meno persone possibili, sapendo di dover rispettare delle aspettative, è un dovere anzi a volte disattenderle, per aprire nuovi spiragli e crescere insieme al proprio pubblico. “Dentro questo inferno in un inverno di parole ho costruito la mia estate”, racconta di come Francesca, in un mondo che ti vuole festante, aggressivo, forte e senza fragilità, sia riuscita a costruire la sua dimensione musicale.

10. non sono io la tua solitudine
Lyrics/Music by Michielin; Produced by Michielin, E.D.D.
Testo esplicito e eloquente nel trattare la problematica delle persone tossiche e narcisiste, non sono io la tua solitudine è la difficoltà di scoprire la propria personalità quando si è circondati da “vampiri energetici”, da persone che spingono l’altro ad annullarsi.

11. claudia
Michielin, Abbate, Ettorre; Produced by Michielin, E.D.D., Zef
Per chi vive una relazione omosessuale è sempre molto complicato sentirsi totalmente serene nel condividere la propria felicità, claudia è una canzone dedicata a una donna. “La gente non ha mai un cazzo da fare ma ha sempre mille cose da dire, spesso non necessarie” ma se si ama non ci sono regole “in che lingua dovrebbero amarsi due come noi, non serve parlarsi”. “Lacrime sotto le palpebre che gridano e non vogliono stare in silenzio” è una figura chiave all’interno del brano: in una società che ti spinge a sentirti in una relazione di serie B, vuoi essere vista, che le tue lacrime possano uscire senza che qualcuno le critichi o denunci. La frase “Vienimi a salvare dentro questo mondo che è una cattedrale in cui siamo infedeli o bambini indifesi” è il cuore pulsante di questo messaggio, da una parte c’è la società etero normativa che nega i principi stessi dell’amore e quindi è infedele, dall’altra c’è chi vorrebbe vivere un sentimento e si ritrova ad essere indifeso.

12. d. punto
Lyrics/Music by Michielin; Produced by Michielin, F. Fugazza
La traccia 12 del disco è d. punto, un brano molto speciale e intenso, realizzato e arrangiato esclusivamente con la voce, prodotto insieme a Francesco Fugazza. La storia è quella di due persone che si amano e farebbero di tutto l’uno per l’altra, anche a costo di far emergere le proprie fragilità e le proprie debolezze più sfrontate. d. punto è la prima canzone d’amore autobiografica di Francesca Michielin, che chiude alla perfezione il cerchio intimo e personale di Cani Sciolti.

bonsoir! – Michielin10 a teatro

In partenza mercoledì 22 e giovedì 23 febbraio con il doppio sold-out nella sua Bassano del Grappa, bonsoir! – Michielin10 a teatro è il primo tour nei teatri di Francesca Michielin, prodotto da Vivo Concerti, già tutto-esaurito anche per le due date di Milano, la prima di Roma, Bologna, Firenze, Mantova, Trento e Pordenone. È davanti ad alcune delle platee più suggestive d’Italia che Francesca riabbraccerà il suo pubblico e presenterà live per la prima volta i brani inediti di Cani Sciolti insieme ai grandi successi che l’hanno resa una delle cantautrici e polistrumentiste più apprezzate della scena contemporanea italiana. Un ritratto pieno di ricordi, cambiamenti, esperienze, incontri, parole chiave da condividere e vivere con il pubblico di sempre e con chi l’ha conosciuta di recente.

Lo show è un viaggio allo specchio che ripercorre i 10 anni di carriera di Francesca. Ed è proprio uno specchio, riflesso e stimolo continuo a migliorarsi, l’elemento iconico al centro del palco con cui l’artista interagisce durante lo spettacolo, realizzato ispirandosi a quelli presenti nello studio di registrazione di Bassano del Grappa dove ha preso vita Cani Sciolti. Oggetto di luce, riflessione, proiezione di pensieri, ricordi, colori, atmosfere, emozioni da condividere con il pubblico.

La messa in scena scelta dall’artista è teatrale e cangiante nel corso dei 90 minuti circa di spettacolo, concepiti come una vera e propria partita di calcio, con tanto di anthem iniziale, primo e secondo tempo, supplementari, rigori. Francesca e la sua band, cinque in tutto, sono vestiti come una vera e propria “squadra”, con un colore molto legato all’artista e al suo immaginario, il verde, nelle sue diverse sfumature. Alla direzione musicale Giovanni Pallotti, chitarra Eugenio Cattini, basso Luca Marchi, tastiere Giorgia Canton, batteria Evita Polidoro.

Il tour si apre con un countdown da 10 a 90’, con un vero e proprio fischio d’inizio. Il light show è molto potente, a cura di Sergio Cattaneo (Cue Design), i visual sono di Stefano Costa.

I biglietti per il bonsoir! – Michielin10 a teatro sono disponibili su www.vivoconcerti.com e nei punti vendita autorizzati.

BONSOIR! MICHIELIN10 A TEATRO – CALENDARIO

Mercoledì 22 febbraio 2023 || DATA ZERO Bassano del Grappa (VI) @ Teatro Remondini – SOLD OUT
Giovedì 23 febbraio 2023 || DATA ZERO Bassano del Grappa (VI) @ Teatro Remondini – SOLD OUT
Sabato 25 febbraio 2023 || Pordenone @ Auditorium Concordia – SOLD OUT
Domenica 26 febbraio 2023 || Trento @ Auditorium Santa Chiara – SOLD OUT
Mercoledì 1 marzo 2023 || Roma @ Sala Petrassi – Auditorium Parco della Musica – SOLD OUT
Giovedì 2 marzo 2023 || Roma @ Sala Petrassi – Auditorium Parco della Musica
Sabato 4 marzo 2023 || Cagliari @ Teatro Doglio
Martedì 7 marzo 2023 || Firenze @ Teatro Puccini – SOLD OUT
Mercoledì 8 marzo 2023 || Livorno @ Teatro Goldoni
Sabato 11 marzo 2023 || Fermo @ Teatro Dell’Aquila
Sabato 18 marzo 2023 || Mantova @ Teatro Sociale – SOLD OUT
Lunedì 20 marzo 2023 || Milano @ Teatro Lirico “Giorgio Gaber” – SOLD OUT
Martedì 21 marzo 2023 || Milano @ Teatro Lirico “Giorgio Gaber” – SOLD OUT
Giovedì 23 marzo 2023 || Torino @ Teatro Colosseo
Giovedì 30 marzo 2023 || Lecce @ Teatro Politeama Greco
Martedì 4 aprile 2023 || Ferrara @ Teatro Nuovo
Mercoledì 5 aprile 2023 || Bologna @ Teatro Celebrazioni – SOLD OUT
Giovedì 13 aprile 2023 || Palermo @ Teatro Al Massimo
Venerdì 14 aprile 2023 || Catania @ Teatro Ambasciatori
Martedì 18 aprile 2023 || Padova @ Teatro Verdi
Sabato 22 aprile 2022 || Napoli @ Teatro Bellini