Canzoni per alieni, il testo e significato del brano di Francesco Arpino

“Mi sento un po’ alieno oggi, perché mi piace ascoltare musica che non va più di moda. Questo in qualche modo condiziona anche quello che scrivo”

canzoni per alieniVenerdì 22 maggio è uscito ‘Canzoni per alieni’ è il nuovo singolo di Francesco Arpino.La canzone è anche la title track di un album di inediti in uscita a fine 2020, con la partecipazione del noto produttore Chris Thomas (The Beatles, Pink Floyd, Elton John).

Bisogna fare un passo indietro per vedere Francesco Arpino su un palco come frontman di una band. Era la metà degli anni 2000, e suonava con i B-nice, e prima con gli OffSide, band che partecipa al Festival di Sanremo 2002 con il brano “Quando una ragazza c’è”, in gara tra le Nuove proposte.

Dopo queste esperienze, Arpino decide di dedicarsi all’attività di arrangiatore, produttore di studio e compositore. Apre a Roma il suo studio di registrazione “Rock Me Amadeus”, noto per l’alta qualità di recording realizzata grazie all’ausilio di microfoni e preamplificatori vintage.

Può vantare collaborazioni importanti, sia nazionali che internazionali, tra cui ricordiamo Sean Lennon, Gary Lucas, Phil Spalding, Chris Thomas, Phil Palmer, Bill Bartell, Mark Owen, The Niro, Steve Forward, Giuliano Sangiorgi, Alessandro Haber, Roberto Kunstler, Alessio Bonomo, Sergio Cammariere, Giusy Ferreri, Danilo Rea, Gatto Panceri, Diana del Bufalo, Irene Fornaciari, Luca Carboni, Bungaro, Paolo Ruffini, e molti altri.

E allora, come si arriva a ‘Canzoni per Alieni’?

Il brano è una sorta di manifesto della nuova produzione cantautorale di Arpino (Io quando suono stacco / Alle mode non mi aggrappo / Io mi affido all’universo / Scrivo canzoni per alieni come me), che lo racconta così: “Ho scritto Canzoni per Alieni per una necessità che avevo dentro e che non potevo più fermare. Mi sento un po’ alieno oggi, perché mi piace ascoltare musica che non va più di moda. Questo in qualche modo condiziona anche quello che scrivo. Nei miei brani convive il suono di strumenti e chitarre vintage con quello della musica di oggi e ogni volta che finisco di scrivere un pezzo mi emoziono sempre come la prima volta. Penso che non sia giusto definire la musica come vecchia o nuova, una canzone se è bella lo sarà per sempre”.

Il brano esce accompagnato da un videoclip animato, scritto, disegnato e prodotto da ANONIMADISEGNI (http://www.anonimadisegni.com). Nel video, l’avatar di Francesco Arpino si aggira in un panorama desertico, con astronavi in avvicinamento e altri oggetti volanti. Ad un certo punto si trova vis à vis con alcuni personaggi che, a guardar bene, si scopre essere John Lennon, Kurt Cobain, Michael Jackson, Frank Sinatra e Mozart.

L’album ‘Canzoni per Alieni’, in uscita a fine 2020 per l’etichetta So Music, oltre al produttore già citato Chris Thomas, annovera altri musicisti di caratura internazionale, tra cui Phil Palmer, Phil Spalding e Sean Lennon, coautore di due brani inediti.

TESTO DI CANZONI PER ALIENI – FRANCESCO ARPINO

Scrivo cose che fanno rima
Scrivo cose che non fanno rima
Scrivo ciò che esce prima

Io quando suono stacco
Alle mode non mi aggrappo
Io mi affido all’universo

Scrivo canzoni per alieni come me
Dove non parlo di problemi ma di soluzioni
Scrivo canzoni per alieni
Solo canzoni per alieni
Scrivo canzoni senza schemi
Come me

Compro dischi di 20 anni prima
È benzina per la mia autostima
Mi fa bene come la citrosodina

Suono le strofe indie con i suoni pop
Le sento strane come mi fai strano tu
E di suonarle non mi stanco mai
io non mi stanco mai

Scrivo canzoni per alieni come me
Per chi non parla di problemi ma di soluzioni
Scrivo canzoni per alieni
Scrivo canzoni per alieni
Solo canzoni per alieni

Qui ci manca il testo
non so più che dire
soprattutto se mi guardi tu

Siamo stelle sparse
Dentro all’universo
E cerchiamo di illuminare il buio.