Casa & single: aumenta la propensione all’acquisto, il 14,4% investe nell’immobile

33

MILANO – L’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa ha analizzato le compravendite realizzate attraverso le proprie agenzie attive sul territorio nazionale nel 2019 e nel 2020. Obiettivo dello studio è quello di osservare i comportamenti e le scelte sei single sul mercato immobiliare italiano. La classe dei “single” presa in considerazione in questa analisi è composta da single, divorziati, separati e vedovi. Nel 2020 il 66,4% dei single che si è rivolto alle agenzie affiliate Tecnocasa e Tecnorete lo ha fatto per acquistare casa, mentre il 33,6% ha preso casa in affitto. Rispetto al 2019 si registra un lieve aumento di coloro che hanno acquistato, si passa infatti dal 65,1% all’attuale 66,4%.

Per quanto riguarda gli acquirenti, in Italia nel 2020 il 29,8% delle compravendite è stato concluso da single, percentuale in leggera crescita rispetto al 2019 quando si fermava al 28,7%. Prendendo in considerazione solo le grandi città italiane la percentuale di acquirenti single sale al 35,5%, anche in questo caso con numeri in crescita rispetto al 2019 quando si arrivava al 33,9%. Ma quali sono le motivazioni che spingono i single all’acquisto? Nell’82,4% dei casi la compravendita riguarda l’abitazione principale, il 14,4% dei single acquista per investimento mentre solo il 3,2% compra la casa vacanza.

Rispetto al 2019 si evidenzia un calo della percentuale della componente per investimento, si tratta infatti di un trend generalizzato sul mercato nazionale determinato dalle incertezze legate all’emergenza sanitaria in corso. Al contrario tiene bene il segmento della casa vacanza, che anzi segnala una leggera ripresa, sospinto dalla voglia di “evasione” dalle città evidenziata nel periodo seguente al primo lockdown. La maggioranza degli acquirenti single ha un’età inferiore ai 35 anni (35,9%), con percentuali in graduale diminuzione all’aumentare dell’età.

Vediamo ora quali sono le tipologie più compravendute dai single: nel 2020 il trilocale rimane la tipologia preferita con il 36,5% delle scelte, seguito da vicino dai bilocali che arrivano al 32,5%, mentre al terzo posto si trovano le soluzioni indipendenti e semindipendenti che in questo 2020 hanno evidenziato una crescita delle preferenze e che si attestano al 12,4%. Quest’ultimo segmento abitativo ha vissuto un 2020 importante, in seguito alla pandemia, infatti, sono aumentate le compravendite di abitazioni più ampie e dotate di spazi esterni. L’analisi si conclude con i numeri che riguardano il ricorso al credito: nel 46,4% dei casi i single acquistano con l’ausilio di un mutuo, percentuale in crescita rispetto al 2019 quando ci si fermava al 44,0%.