“Ci Sarà”, il nuovo brano della band Almamediterranea [VIDEO]

61

ci sarà almamediterranea

CAGLIARI – Ci Sarà è il nuovo singolo degli Almamediterranea, band cagliaritana folk rock, che ancora una volta lancia un pezzo dalle sonorità contaminate e dal testo dal forte impegno sociale. Il brano, disponibile da oggi su YouTube e su tutte le piattaforme digitali, è un vero e proprio inno alla vita rafforzato dal consueto e immancabile tema della libertà di pensiero e di espressione e dalla consapevolezza che credendo in se stessi, aprendo la mente, guardando oltre l’orizzonte, gettando il cuore oltre l’ostacolo, si possa scorgere ancora, anche in periodi bui e tempestosi, uno spiraglio di bellezza e di rivalsa sia sociale che culturale.

Dopo Babadook, singolo lanciato a marzo scorso, che riportava la band alle sonorità più folk rock dei primi anni, con Ci Sarà il gruppo, che è sempre stato vicino alla tradizione del cantautorato italiano, compie un autentico rewind stilistico impreziosito dalle molteplici influenze dei componenti della Sardabanda. È la voce di Roberto Almo a intonare i versi impegnati e dirompenti, accompagnati da un coinvolgente crescendo musicale.

La contaminazione musicale e la continua sperimentazione fanno degli Almamediterranea una delle realtà musicali italiane più originali e poliedriche. Creatività e stravaganza hanno portato, questa volta, alla realizzazione di un videoclip interamente girato con gli smartphone, grazie al coinvolgimento e ai contributi video di fan, amici e colleghi che hanno cantato e ballato interpretando il pezzo in vero stile social, strizzando l’occhio anche alle ultime tendenze di TikTok. “Abbiamo realizzato il videoclip coinvolgendo tanti amici vecchi e nuovi, artisti di vario genere, persone libere mentalmente che hanno capito il vero senso del messaggio del pezzo – spiega la band -. Abbiamo voluto dare facce alle parole, espressioni ai toni e un solo colore: il rosso, che per noi rappresenta il calore dei nostri pensieri, il furore delle nostre convinzioni, ma non solo, il rosso rappresenta la nostra totale presa di posizione contro ogni forma di violenza e di discriminazione”.

Un richiamo all’uguaglianza e al rispetto in un mondo sempre più dispotico, arido di sentimenti e valori, dove l’arte e la musica vengono messe in secondo piano è il cuore di Ci sarà.

“Il nostro messaggio vuole essere il più inclusivo possibile e l’idea di dare spazio a molti volti e diverse realtà ci affascina – commenta Roberto Almo -. Abbiamo voluto credere che ci possano essere menti aperte al dialogo, anime pure e persone intellettualmente oneste che sappiano discernere il buono dal buonista, il giusto dal politically correct “. “La lontananza dai live ci sta portando a nuove esperienze di coinvolgimento del pubblico – aggiunge -, siamo rimasti colpiti dall’entusiasmo che si è creato nella realizzazione di questo video”.

Il pezzo, che nasce dalla collaborazione ormai stretta e felice tra la band e il regista Cesare Furesi – la band sta lavorando alla colonna sonora del suo prossimo film -, è completato da una versione in Lis (lingua italiana dei segni), curata da Rosa Pes e pubblicata sulla pagina Facebook degli Almamediterranea. Inoltre, il ricavato sarà devoluto in beneficenza ad un’associazione che si occupa di colonie feline.

Line up Almamediterranea

Roberto “Almo” Usai – voce, chitarre, ukulele, producing

Gigi Mirabelli – Basso e cori

Pierpaolo Malafarina – Percussioni, Maschine, Cori

Roby Gallese – Chitarra elettrica cori

Sergio Titus Tifu -Violino

Antonello Carta – Fisarmonica

Flavio Concu – Piano, organo, synth, keyboards

Giorgio Erdas – Batteria

CHI SONO GLI ALMAMEDITERRANEA

Gli Almamediterranea nascono a Cagliari nel 2003 da un’idea del cantautore polistrumentista Roberto Usai, noto Almo. La band nel 2005 vince il primo concorso nazionale legato al Tim Tour, il Rock TV contest e vola a Torino per la finale. Numerosi concorsi vinti che in poco tempo portano la band a farsi conoscere nel panorama indipendente Italiano grazie anche alle numerose collaborazioni con Bandabardò, Modena City Ramblers, Mau Mau, Roy Paci, Frenkie HI Nrg Red Ronnie che li volle fortemente in ogni evento da lui organizzato negli anni tra il 2005 e il 2012. nel 2007 pubblicano il primo album intitolato Tuttattaccato che vende 3000 copie ed è interamente autoprodotto. Il 2009 è l’anno di “Male Bene” album che entrerà in classifica Feltrinelli. Tante colaborazioni tra cui Enrico Greppi alias Erriquez, Francesco Moneti “Fry” dei Modena city Ramblers, Luca Lanzi della casa del Vento, Luca Morino dei Mau Mau e altri amici della band. Il terzo album esce nel 2012 e si intitola “Popolo di Onesti” che contiene la title track che porterà l’anno successivo la Sardabanda sul palco del primo Maggio di Roma. Il quarto album è datato Aprile 2015 “Sentieri di libertà” dedicato alla ricerca nel campo delle malattie mentali, legato a un progetto di solidarietà e integrazione dell’università di Cagliari.

Partecipano a diverse raccolte e compilation tra le quali:

2006 “Laratro folk festa”

2007 “Arci sana records”

2008 “Fuori Sessione” per Emergency

2011 “L’unione sarda live compilation” prodotta e distribuita dal quotidiano L’Unione Sarda.

Diversi brani sono stati selezionati come colonne sonore di cortometraggi o rappresentazioni teatrali come ad esempio Cicch’e buttò, dalla compagnia del teatro di Sinnai, per lo spettacolo il Re Vanesio, oppure Pastasciutta a colazione scritta appositamente per il docufilm Serendip movie prodotto da Takemeback. Attualmente la band lavora alla colonna sonora del prossimo film di Cesare Furesi cineasta Algherese che si è fatto conoscere per il film “Chi salverà le rose” con Carlo delle Piane e Lando Buzzanca. Oltre al film, la band curerà la colonna sonore e le musiche originali di una serie Original Netflix Italia in uscita nel 2022.