Concato: “Ingiurioso considerare sacrificabile la nostra professione”

fabio concatoMILANO – “Ho ascoltato di tutto, a proposito della mia professione, anche che non fosse essenziale – che è già grave – ma che fosse “sacrificabile” lo considero ingiurioso. Come dire: se ce la fai bene, altrimenti fatti da parte”. Così su Facebook il cantautore milanese Fabio Concato (foto).

“Musicisti, attori di cinema e teatro ringraziano vivamente, unitamente alle loro famiglie. Lo stesso fanno tra gli altri: esercenti, fonici, tecnici luci, facchini, autotrasportatori. Proprio perché siamo in questa condizione, non sarebbero stati ancor più di conforto, queste meravigliose attività umane?”, conclude Concato.