Coronavirus, Conte: “Liquidità alle imprese e sospensione di contributi”

Con un DPCM saranno messi a disposizione delle imprese 400 miliardi. Sospeso il pagamento di alcuni contributi per aprile e maggio

ROMA – Messaggio alla nazione del 6 aprile 2020, per il Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte. In arrivo liquidità alle imprese e sospensione di alcuni obblighi tributari.

” Vi annuncio – ha esordito il Premier – che ho appena firmato un Decreto grazie al quale daremo una liquidità immediata di 400 miliardi alle nostre imprese senza limiti del fatturato. Duecento miliardi andranno al mercato interno, gli altri duecento per potenziare il mercato dell’export. Non ricordo un provvedimento così poderoso nella storia della nostra Repubblica. É una cifra enorme. Le garanzie verranno erogate attraverso gli ordinari canali finanziari con la particolarità che lo Stato darà garanzia che tutto avvenga in modo celere, spedito e sicuro.

Potenzieremo il Fondo centrale di Garanzia per le piccole e medie imprese. Aggiungeremo anche il finanziamento attraverso la SACE, la Società di Cassa Depositi e Prestiti per le medie e grandi imprese.

Inoltre ha detto Conte che sono state varate nuove misure fiscali che prevederanno la sospensione di alcuni pagamenti, ritenute e contributi anche per i mesi di aprile e maggio.

“Abbiamo adottato uno strumento per tutelare  tutte le imprese che hanno un minimo ruolo strategico imponendo anche nuovi obblighi di trasparenza fnanziaria. In particolare abbiamo potenziato quello strumento che si chiama del “Golden Power“. Potremo così controllare quelle operazioni societarie ostili, estendendo il raggio d’azione anche a una serie di settori quali acqua, energia, settore assicurativo. Interverremo ogni qualvolta ci saranno scalate. Anche a livello euro quando ci sarà una scalata anche superiore soltanto al 10%.

Tutti leader europei esprimono solidarietà e ammirazione per la forza e la resilienza del nostro Paese, oltre apprezzamento per il nostro operato. Agli italiani dico che stanno dando un contributo importantisimo in questa battaglia contro il virus. Presto raccoglieremo i frutti dei nostri sacrifici e vivremo tutti insieme una nuova primavera. Essere italiani significa essere coraggiosi, solidali, determinati e coesi, servire lo Stato con orgoglio devozione e sacrificio e il nostro pensiero va sempre a chi ogni giorno é in prima linea per noi.

Si avvicina la Pasqua, radicata nella tradizione religiosa ma anche laica. Porta gioia e giorni lieti: li vivremo a casa. Sarebbe irresponsabile andare in giro, pensare di allentare il rispetto delle regole. Pasqua significa per i Cristian passaggio, riscatto dalla schiavitù all’Egitto. Speriamo possa portarci anche questo riscatto e questa libertà. I laici possano vederlo come il passaggio verso una prospettiva migliore. Siamo fiduciosi”.