Coronavirus Italia, dati del giorno 25 dicembre 2020: + 19.037 nuovi casi

112

coronavirus venerdì

Aggiornamenti in Italia su contagi del 25 dicembre 2020: ill bollettino parlava di 19.037 nuovi casi positivi al Covid-19 e 459 decessi

Nuova giornata con l’informazione de L’Opinionista sull’emergenza Coronavirus in Italia. Oggi, venerdì 25 dicembre 2020 andiamo a seguire le principali notizie e gli aggiornamenti sui dati forniti dal Dipartimento di Protezione Civile. Alle 17  la Protezione Civile ci aggiornerà nuovamente su quelli che saranno stati i dati giornalieri in Italia, relativi a guariti, positivi (in isolamento domiciliare con o senza sintomi), decessi e rapporto tra positivi e tamponi. Nell’attesa vediamo cosa é successo nelle ultime ore.

Nelle ultime ventiquattro ore, in Italia, si registravano 19.037 (18.040 giovedì) nuovi casi  a fronte di 152.334 (193.777 giovedì) tamponi. I rapporto positivi/tamponi era del 9,3%. I decessi erano 459 e hanno portato il totale delle vittime da inizio epidemia a 71.359. Gli attualmente positivi erano 579.886, di cui 25.896 ricoverati con sintomi e 2.584 in terapia intensiva.

IL MESSAGGIO DI PAPA FRANCESCO

É Natale. Ieri, anticipatamente e nel rispetto del coprifuoco imposto dalla pandemia, Papa Francesco ha celebrato in mondovisione dalla Basilica di San Pietro la Messa della Notte di Natale. Il Santo Padre, dinanzi a 200 fedeli, ha spiegato il vero significato del Natale.

La nascita di un bambino è la gioia più grande della vita – ha detto il Pontefice- Qualcosa di straordinario, che cambia tutto, mette in moto energie impensate e fa superare fatiche, disagi e veglie insonni, perché porta una felicità indescrivibile, di fronte alla quale niente più pesa. Il Natale é la stessa coda: la nascita di Gesù è la novità che ci permette ogni anno di rinascere dentro, di trovare in Lui la forza per affrontare ogni prova. La sua nascita è per noi: per me, per te, per ciascuno”.

Papa Francesco nell’omelia ha invitato ad aiutare gli altri invece che piangersi addosso. “Dio è nato bambino per spingerci ad avere cura degli altri. Il suo tenero pianto ci fa capire quanto sono inutili tanti nostri capricci, e di capricci ne abbiamo tanti. Il suo amore disarmato e disarmante ci ricorda che il tempo che abbiamo non serve a piangerci addosso, ma a consolare le lacrime di chi soffre.  Ha poi concluso: “Dio prende dimora vicino a noi, povero e bisognoso, per dirci che servendo i poveri ameremo Lui”.

LE REGOLE DA OSSERVARE A NATALE

L’intero territorio nazionale é in zona rossa. Si esce di casa solo per ragioni di lavoro, necessità e salute e con autocertificazione. Sono prevista alcune deroghe a tale ferree regole. Due non conviventi che potranno fare visita a figli, genitori o nonni. Quindi, fermo restando il divieto di spostamento tra le Regioni, é consentito a massimo due non conviventi di effettuare visite nelle abitazioni private, con autocertificazione. Dalla deroga non sono conteggiati gli under 14, i cui spostamenti saranno quindi consentiti. É consentito fare attività motoria nei pressi della propria abitazione purché nel rispetto della distanza di almeno un metro e con l’obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione e sportiva all’aperto in forma individuale.

Buon Natale a tutti. Auguri in particolare a chi in questi giorni sarà al lavoro per assicurare cure e servizi essenziali, a chi è malato e a chi sta soffrendo, agli italiani che rinunciano a una parte di festeggiamento per il bene di ciascuno”, scrive sui social il Ministro della Salute, Roberto Speranza.

PARTE LA CAMPAGNA DI VACCINAZIONE

C’é attesa per la campagna di vaccinazione, di cui il Commissario straordinario per l’emergenza Domenico Arcuri ha annunciato la partenza per domenica prossima, 27 dicembre. Nella settimana successiva, da lunedì 28, si conta di proseguire la vaccinazione perché Pfizer ha assicurato che in quella settimana arriveranno altre 450mila dosi, portate direttamente dall’azienda nei 300 punti somministrazione scelte con regioni e province autonome.

SITUAZIONE NEL MONDO

Se in Italia si contano 2 milioni di contagi e si piangono 70mila morti, nel mondo si é superata la soglia dei 78 milioni i casi di Coronavirus e di 1,7 milione di morti. Nel Regno Unito la variante mutata del Coronavirus ha accelerato il ritmo dei contagi: nelle utime ventiquattro ore si sono registrati 39.036 contagi e altri 574 morti; la maggior parte del Paese tornerà in lockdown nelle prossime ore. Intanto i Paesi Bassi hanno stabilito che sarà richiesto un test negativo al Covid-19 per tutti gli arrivi, compresi quelli dall’Unione Europea.

IL BOLLETTINO DEL 24 DICEMBRE

Nelle ultime ventiquattro ore, in Italia, si registravano 18.040 (14.522 mercoledì) nuovi casi  a fronte di 193.777 (175.364 mercoledì) tamponi. I rapporto positivi/tamponi era del 9,3%. I decessi erano 505 e hanno portato il totale delle vittime da inizio epidemia a 70.900. Gli attualmente positivi erano 593.632 (-5.184), di cui 20.070 ricoverati con sintomi e 2.589 in terapia intensiva.

Nel dettaglio, secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute, il numero complessivo dei positivi era di: 104.022 in Veneto, 57.299 in Campania, 75.491 nel Lazio, 57.908 in Lombardia, 58.025 in Emilia Romagna, 53.131 in Puglia, 34.870 in Piemonte, 33.380 in Sicilia, 16.015 in Sardegna, 11.694 in Abruzzo, 12.102 in Friuli Venezia Giulia, 10.969 in Toscana, 9.415 nelle Marche, 9.107 a Bolzano, 8.359 in Calabria, 5.958 in Liguria, 5.943 in Basilicata, 3.521 in Umbria, 2.266 in Molise, 1.746 a Trento, 427 in Valle d’Aosta.