Coronavirus, quando è previsto il picco? Ecco le previsioni

Coronavirus, picco previsto tra il 16 e 17 marzo

Il dato é il frutto di uno studio della Ragioneria Generale dello Stato, che ha stimato in 92mila il numero dei contagiati entro fine aprile

ROMA – Tempo di emergenza per Coronavirus. In Italia i morti hanno già ampiamente superato le mille unità, i contagiati (tra isolamento domiciliare, ricoverati con sintomi e pazienti in terapia intensiva o sub-intensiva) sono più di 17.000. Ecco, allora, che sorgono spontanee tante domande. Il picco é già stato raggiunto oppure deve ancora arrivare? A quanto ammonterà, in termini di morti e persone infettate, il bilancio finale di questa pandemia, o, in termini molto più spiccioli, tragedia?

La Ragioneria Generale dello Stato ha provato a fare alcune previsioni. In una relazione si vede disegnata una curva della diffusione della malattia, sulla base dei dati reali registrati dal ministero della Salute fino all’8 marzo. L’ipotesi è che fino alla metà di questo mese i contagi raddoppino circa ogni tre giorni: tra lunedì 16 e martedì 17 verrebbe raggiunto il picco, con quasi 4.500 nuovi malati al giorno, poi inizierebbe la discesa. Il numero di casi aggiuntivi resterebbe comunque elevato in una prima fase per poi ridursi gradualmente; alla fine se ne conterebbero appunto 92 mila, inclusi naturalmente quelli che sono nel frattempo guariti e coloro che purtroppo sono invece deceduti.