“… Di moda”, il nuovo singolo di Massimetto: “Un brano nato al mare”

19

“Il sound del pezzo è molto ruvido, ma fresco allo stesso tempo. Ci sono riff alla Chuck Berry e spero che gli appassionati colgano le mie intenzioni”

massimettoDal 3 settembre sarà disponibile in rotazione radiofonica “… Di moda”, il nuovo singolo di Massimetto. “… Di moda” è la storia di un amore a prima vista con una ragazza conosciuta al mare, talmente bella che l’autore a malapena riesce a presentarsi, ma ci prova lo stesso cantandole l’iconico “Hello, I love you. Won’t you tell me your name?” dei Doors. Utilizzando lo stile di Jim Morrison e citandone gli indimenticabili successi, Massimetto ci regala una canzone d’amore che vuole anche essere un omaggio all’artista scomparso cinquant’anni fa.

Massimetto ci ha gentilmente concesso un’intervista.

“… Di moda” è il tuo nuovo singolo di che cosa si tratta?

Di moda è un brano nato al mare, ho conosciuto una ragazza e nelle presentazioni e’ scattato l’imbarazzo. E’ sempre cosi quando arriva un colpo di fulmine, avrei voluto cantarle il brano dei Doors: Hello i love you…..sono tornato a casa ed ho scritto la canzone usando il motivetto dei Doors. – Questo brano e’ il primo singolo estratto dall’album “tuttosuonato” che uscirà a novembre.

Cosa vuoi trasmettere con questo brano?

Provengo artisticamente parlando, dal rock, blues, soul e funk e cantarlo in italiano e’ difficile arrivare a tutti, ma spero che che con questo brano arrivero’ a molte persone che amano il genere e che apprezzino il testo in italiano. In passato Zucchero, Pino Daniele e Bennato ci sono riusciti, ci riusciro anch’io!

Che tipo di accoglienza ti aspetti?

Sarebbe bello sentire la gente che canta il ritornello quando mi incontra per strada, spero che saranno in tanti a farmi i complimenti…questo e’ anche un mio omaggio a Jim Morrison che proprio quest’anno e’ il suo cinquantesimo anno dalla sua scomparsa.

Come nasce il tuo progetto musicale?

Dopo tanti anni da bassista al servizio di molte band (blues,rock, soul ecc ) avevo il bisogno anche di cantare e comporre dei miei brani originali. All’inizio( nel 2016) e’ stato difficile suonare il basso e cantare ma adesso penso di aver trovato la strada giusta, arrangio, suono e canto in base al testo e al groove del brano. Sono accompagnato da amici che mi supportano e sopportano: Fabio Molinari alla batteria e Giuliano Di Battista alla chitarra.