Dorul: la bonus track è una dedica alla Romania [VIDEO]

Dorul: la bonus track è una dedica alla Romania

Per gli amanti della musica pop rumena, è uscito due giorni fa il il clip del brano estratto dall’album Aventurile Domnului Puya

Una melodia dal sapore folkloristico e, al tempo stesso moderno. Nata come un featuring tra la cantante pop Andra e i due rapper Puya e Guz, “Dorul” (in italiano Desiderio o anche Nostalgia) era inizialmente dedicata a tutti i rumeni e alla loro splendida terra. Scritta prima dell’emergenza da coronavirus, nella mente dei cantanti il testo ha mutato leggermente di significato; intervistata, Andra ha dichiarato a tal proposito che “Nostalgia è una canzone che penso farà vibrare le anime dei rumeni, specialmente ora che sono passate così tante settimane, e persino ricorrenze importanti, e non possono ancora vedere i propri genitori. Non avrei mai pensato che l’avremmo lanciata in una crisi come quella che stiamo vivendo e che ora la canzone potesse acquisire dei nuovi significati”.

Il brano è pertanto una chiamata all’orgoglio nazionale e alla collaborazione tra le persone.

Prodotta da due etichette indipendenti, Scandalos Music e Andra Records, la traccia si colloca in un genere ibrido: c’è il rap, che però non prevale complessivamente nel brano – il quale mantiene una linea melodica cantabile e pop – e c’è l’elemento folkloristico, che rende la musica rumena inconfondibile.

Il brano – uscito due giorni fa – è già seguitissimo su Youtube, con più di un milione di visualizzazioni.

TESTO DI DORUL – PUYA FT. ANDRA & GUZ

Dorul fuge, fuge, nimeni nu-l ajunge
Dorul zboară, lasă inima amară
Dorul fuge, fuge, nimeni nu-l ajunge
Dorul zboară, lasă inima amară

Simt sângele de român, îmi curge în vene
Văd în lemn cioplite atâtea semne
În priveliștea de pe Caraiman
Parcă-l văd pe Mihai Viteazul călare pe un cal
Îl simt când ies din București, e în lutul din casele bătrânești, în povești
E în focul din cuptor, e în vinul de pe masă, vorbele din folclor
Îmbrăcăți la costume, își numără RON-îi, dar noi știm: de la țară vin și domnii
Sunt cel mai român dintre pământeni, sunt că acasă între maramureșeni
Vesel lângă olteni, liniștit cu ardeleni, puțîn amețit când mai stau cu moldoveni
Drace, da-ne pace, știi ca, orice-ar fi, sângele apă nu se face!

Dorul fuge, fuge, nimeni nu-l ajunge
Dorul zboară, lasă inima amară
Dorul fuge, fuge, nimeni nu-l ajunge
Dorul zboară, lasă inima amară

Probabil casă părintească nu se vinde, nu, cel mai bine o-ngrijesti doar tu
Avea nevoie de mine, mă simțeam atras, doar cu ai mei mă simțeam acasă
Mereu părea mai bine-acolo unde nu-s, probabil e mai bine
Poate de aia s-au dus
E o drama, simt cum mă strigă mama sau mama mamei sau mama lu mama lu mama
Și amintirile s-au ascuns pe raftul prăfuit de sus
Când alergam desculți și eram mult mai mulți și n-aveam nicio teamă
Și doar in nopțile pustii, când lacrimă se scurge
Dorul, dorul fuge, nimeni nu-l ajunge, nu!

Dorul fuge, fuge, nimeni nu-l ajunge
Dorul zboară, lasă inima amară
Dorul fuge, fuge, nimeni nu-l ajunge
Dorul zboară, lasă inima amară

Oriunde vor merge pașii mei, sufletul îmi este plin de ei
Dorul asta nu mă lasă, nu mă lasă
Același cuvânt și-același gând mă leagă mereu de-acest pământ
Cel mai frumos loc e-acasă, e acasă!

Dorul

TRADUZIONE DI DORUL – PUYA FT. ANDRA & GUZ

Il desiderio corre, corre, nessuno lo prende
Il desiderio vola, il cuore affonda
Il desiderio corre, corre, nessuno lo prende
Il desiderio vola, il cuore affonda

Sento il sangue dei rumeni, mi scorre nelle vene
Vedo così tanti segni nel bosco
Nella vista del monte Caraiman
Mi piace vedere Michele il Coraggioso a cavallo
Lo sento quando esco da Bucarest, è nell’argilla di vecchie case, nelle storie
È nel calore del forno, è nel vino sul tavolo, parole folcloristiche
Vestiti in costume, contano i loro RON (moneta rumena), ma sappiamo: da Tara arrivano i signori
Sono il più rumeno del mondo, sono a casa a Maramures
Allegro tra gli olteni, tranquillo con i transilvani, un po’ confuso quando rimango con i moldavi
Qualunque cosa sia, il sangue non è acqua!

Il desiderio corre, corre, nessuno lo prende
Il desiderio vola, il cuore affonda
Il desiderio corre, corre, nessuno lo prende
Il desiderio vola, il cuore affonda

Probabilmente la casa dei genitori non è stata venduta, meglio che te ne occupi
Aveva bisogno di me, mi sentivo attratto.
Stava sempre meglio dove non stava, forse meglio
Forse è per questo che sono andati
È un dramma, mi sento come mia madre o madre o madre o madre di madre o madre
E i ricordi sono stati nascosti sullo scaffale polveroso
Quando correvamo a piedi nudi e ce n’erano molti altri e non avevo paura
E solo nelle notti vuote quando le lacrime si esauriscono
Il desiderio, il desiderio di correre, nessuno sarà sufficiente. No!

Il desiderio corre, corre, nessuno lo prende
Il desiderio vola, il cuore affonda
Il desiderio corre, corre, nessuno lo prende
Il desiderio vola, il cuore affonda

Ovunque vadano i miei passi, la mia anima ne è piena
Non voglio. Non lasciarmi
La stessa parola e lo stesso pensiero mi legano sempre a questa terra
Il posto più bello è casa, casa!

Desiderio