Elvis Costello, esce il quarto singolo che anticipa l’album “Hey Clockface”

LONDRA – E’ stato pubblicato “Hey Clockface/How Can You Face Me?”, quarto singolo che anticipa l’album “Hey Clockface” di Elvis Costello, in uscita il 30 ottobre su etichetta Concord Records. La canzone viene resa disponibile grazie alla miracolosa tecnologia del downloading e dello streaming. Mentre i precedenti tre “dispacci musicali” inviati dalla capitale finlandese erano stati registrati in tre giorni durante il mese di febbraio, “Hey Clockface/How Can You Face Me?” è la prima canzone ad essere pubblicata tra quante realizzate durante la seduta tenutasi a Parigi nel weekend successivo.

L’ensemble nominato per l’occasione “Le Quintette Saint Germain” è diretto da Steve Nieve al pianoforte, con Mickaël Gasche alla tromba, Renaud-Gabriel Pion al clarinetto ed al clarinetto contrabbasso, Pierre-François “Titi” Diufour al violoncello e AJUQ alla batteria. “È una canzone su come discutere su di un argomento con un occhio all’orologio: ci si può mettere poco o tanto, dipende dagli interlocutori”. L’atmosfera un po’ folle della canzone è ben catturata nel nuovo video, opera del team di Eamon Singer e Arlo McFurlow. Il pezzo si apre con un Duetto voce-tromba, in cui viene citato il tema della canzone “How You Face Me?, scritta da Fats Waller con Andy Razaf a metà anni ’30.

Dice Costello: “nessuno degli arrangiamenti è stato scritto in anticipo. Ho cantato il tema di “How You Face Me?” a Mickaël e abbiamo subito iniziato, citando qualche frammento del testo”. Che si trattasse di brani mossi o di lenti, la seduta di due giorni a Parigi ha sortito nove dei pezzi che si ascolteranno nell’album “Hey Clockface” di prossima uscita. “Ho cantato in diretta in studio, mentre la band suonava tutte le cose che volevo ascoltare e niente che io non volessi sentire”. Il brano “Hey Clockface/How Can You Face Me?” mostra un notevole contrasto con le plumbee atmosfere delle canzoni in stile “Helsinki Sound”, ma Costello dice che le sorprese non sono affatto finite, e consiglia: “Continuate a restare connessi…”.