Eros Ramazzotti e il suo “In Primo Piano”

Eros RamazzottiEros Ramazzotti esce con “In Primo Piano”, secondo singolo tratto dall’album “Vita ce n’è”, certificato Disco Oro dalla FIMI, Federazione Industria Musicale Italiana. In rotazione radio da venerdì 14 Dicembre, il singolo scritto dall’amico Jovanotti per Ramazzotti risulta una dichiarazione del cantante ad un amore lontano ma vicino insieme tanto da essere in primo piano.

“Oh amore, lontano, Sì, ti tengo dentro di me, Dall’orizzonte al primo piano, Ti tengo dentro di me, In primo piano, Amore lontano”.

Un amore che mette il cuore a posto e per cui si riallineano le stelle in cielo, un amore che dà dolore per la precarietà del tempo a cui pur l’amore terreno soggiace, una emozione sempre nuova e una commozione viva.

Amore e innamoramento sono il filo rosso della poetica intrisa nel testo. Una confessione della passione che include il donarsi, la condanna e la libertà, il porsi in balia di un sentimento che dà vita e fa appartenere all’altro come il verde ad un prato, un amore lontano ma dall’orizzonte in primo piano.

Il video girato alla Villa Reale di Monza vede al centro un Ramazzotti che con sguardi e gesti pacati, vestito in un elegante smoking dà estremo risalto al sentimento che canta, al suo io che emerge sonoro in una ventata di romanticismo, all’importanza totale dedita all’amore. Un unico soggetto e un solo tema protagonisti, una atmosfera che si avverte calda ed intima, una persuasione comunicativa che si modella con una combinazione di colore, luci e primi piano. Un video che non ha alcun sviluppo se non la sequela di momenti che dichiarano l’amore.

“Oh amore, lontano, Sì, ti tengo dentro di me, Dall’orizzonte al primo piano, Ti tengo dentro di me, In primo piano, Amore lontano”.

“Amore lontano, Non so chi sono quando penso a te”.

Un amore che confonde perché unisce i due corpi e le due vite a tal punto da far sentire presente anche ciò che è materialmente lontano, un sentimento che sconvolge l’esistenza innalzandola ad un binomio inscindibile e prezioso. Tutto è racchiuso nel volersi e riceversi, nell’accogliersi e donarsi, nel celebrarsi ogni giorno piangendo il tempo che passa per la bellezza delle emozioni godute.