Fondo per l’intrattenimento digitale, la soddisfazione di AIV

aiv logo

ROMA – “Apprendiamo con entusiasmo dell’inserimento in DL Rilancio del Fondo per la creazione di prototipi di videogiochi. É la prima volta che questo comparto usufruisce di una attenzione così grande, in un momento così difficile e inatteso per il nostro Paese. L’inserimento della proposta del Sottosegretario al Mise, Mirella Liuzzi, riconosce per la prima volta l’importanza e il valore che tale settore rappresenta per l’Italia” – dichiara Luca De Dominicis, Presidente e Fondatore di AIV.

L’Accademia Italiana Videogiochi, da sempre in prima linea nel sostenere il rilievo del comparto videoludico, nonché la centralità delle professioni e delle competenze ad esso collegate, commenta così la decisione del Governo circa l’Istituzione di un Fondo per l’intrattenimento digitale denominato “First Playable Fund”, con dotazione iniziale di 4 milioni di euro per l’anno 2020, finalizzato a sostenere le fasi di concezione e pre-produzione dei videogame necessarie alla realizzazione di prototipi.

“Oggi più che mai siamo consapevoli che la tecnologia, la rete e il digitale sono gli strumenti del futuro. Il settore videoludico rappresenta un punto di contatto fortissimo tra sviluppo economico e innovazione culturale. AIV è impegnata da sedici anni nel formare i migliori talenti di questo settore e nel perfezionare le loro competenze. Siamo infatti consapevoli dell’enorme importanza che questo comparto ha e delle sue innumerevoli applicazioni in settori quali la didattica, la cultura e la conservazione del patrimonio culturale, l’innovazione tecnico-scientifica e la comunicazione. Per questo motivo speriamo che la creazione di questo Fondo sia il primo passo verso la creazione di una strategia che permetta al comparto di continuare a crescere, sviluppando così l’innovazione nel nostro Paese e non più al di fuori di esso. Infine – conclude De Dominicis- ci tengo a ricordare che AIV è in prima linea per offrire tutte le skill e gli strumenti a sua disposizione in questa fase 2, per supportare la progettazione e l’implementazione di questa ripartenza”.