Franco Di Tizio racconta “I rapporti segreti fra d’Annunzio e Mussolini nelle rivelazioni di Tom Antongini”

45

ROMA – Franco Di Tizio racconta “I rapporti segreti fra d’Annunzio e Mussolini nelle rivelazioni di Tom Antongini” (Ianieri Editore). Tom Antongini, scrittore e molti giornalista, ha scritto su d’Annunzio, di cui è stato segretario personale per anni, cinque libri. Ha pubblicato, inoltre, a più riprese, in quotidiani e riviste, I rapporti segreti fra D’Annunzio e Mussolini. Questo libro, quindi, raccoglie tutto ciò che l’eclettico segretario del Poeta, in qualità di intermediario, ha rivelato sui rapporti tra i «due duci», definiti da lui anche «due grandi attori». Si tratta di lunghi saggi apparsi nel dopoguerra in importanti riviste dell’epoca.

Antongini, però, ha riportato i fatti «ad usum delphini», e quindi ciò che scrive non può prendersi per oro colato ma con il beneficio d’inventario; ed è per questo che, curando il testo, Franco Di Tizio ha rimarcato anche le opinioni di altri biografi dannunziani e le sue, che sono spesso in contrasto con le affermazioni di Antongini, il quale ha avuto il difetto di descrivere il suo datore di lavoro come un personaggio che era riuscito nel suo intento, ossia «a fare della sua vita un’opera d’arte». Alla fine, però, sarà lui stesso ad affermare che vi furono alcuni critici che considerarono la sua biografia di d’Annunzio come «una lettera d’amore di 800 pagine, di un innamorato alla sua innamorata».

Di Tizio ha diviso il libro in due parti; nella prima ha riportato notizie su Antongini che, oltre a segretario di d’Annunzio, è stato un importante scrittore e giornalista del Novecento. Egli ricostruisce con dovizia di particolari la sua biografia e descrivere minutamente le non poche opere pubblicate, concludendo che la sua figura di scrittore e si potrebbe rivalutare. Nella Parte seconda l’autore riporta, invece, ciò che Antongini ha pubblicato più riprese sui rapporti fra D’Annunzio e Mussolini, il tutto seguito quasi sempre dal suo commento.

Nella Nota conclusiva, poiché lo stesso Antongini ha affermato che d’Annunzio e Mussolini si incontrarono pochissime volte, l’autore ha chiarito in maniera definitiva quanti sono stati i loro incontri e quali sono stati i loro colloqui: interessante argomento che sinora non era stato mai compiuto.

Ha scritto Umberto Russo nella risposta di copertina: «Nei primi decenni del Novecento due uomini emersero alla massa in Italia, suscitando adesioni e disensi, critiche ed applausi. In una singolare coincidenza, l’uno e l’altro affidarono il loro messaggio alla parola che avvinceva e convinceva: Gabriele d’Annunzio e Benito Mussolini, destinati a tracciare un solco profondo nelle vicende culturali del loro tempo, s’incontrarono, si conobbero , dialogarono, sia pure a distanza di luoghi e nel divario dei rispettivi ruoli. Franco Di Tizio, con la sua consueta perizia e sulla base delle memorie di un solerte testimone quale fu Tom Antongini, ne ricostruisce successivamente la vicenda, offrendo così un ulteriore, valido contributo alla conoscenza della storia del ventesimo secolo».