“Funkyland”, alla scoperta del nuovo singolo di Guasto

19

guasto murales

L’artista descrive così il brano: “Funkyland: bella Napoli, balla Napoli, “diversa e insolita”, se si pensa ai soliti cliché che solitamente accompagnano le immagini di questo golfo! This is Funkyland!”

Dal 24 giugno 2022 è disponibile in rotazione radiofonica “Funkyland” (NyNa City 91 records), il nuovo singolo di Guasto, già disponibile su tutte le piattaforme di streaming digitali dal 10 giugno. Il brano “Funkyland” prodotto da Antonio De Carmine e Mauro Spenillo, alias Principe e Socio M., è un racconto che ci porta a fare un viaggio su quel pianeta fatto di grooves, rhodes, fender bass and guitar, synth, archi, che richiamano sonorità di uno stile ben definito, tra varie citazioni musicali famose dove ri-troviamo George Benson, Bee Gees, Diana Ross, EWF., Kool and the Gang, passando per Jovanotti e respirando alcune atmosfere partenopee vicine a Pino Daniele.

Guasto ci ha gentilmente concesso un’intervista.

“Funkyland” è il tuo nuovo singolo, di che cosa si tratta?

Funkyland è un lungo viaggio che parte da Napoli verso le vacanze, mentre guardi fuori dal finestrino ascoltando la tua musica preferita. Come ogni viaggio che ti rimane nel cuore, è un po’ nostalgico, ma al contempo guarda al futuro. Sognando di richiudere le valigie e ripartire, nella terra del funky o in qualsiasi altro posto si voglia, in giro per questo fantastico mondo chiamato Musica. Sonorità e richiami agli anni 70 e 80 con citazioni di alcuni brani di artisti che sono stati tra i più influenti storia del funky ma anche tante contaminazioni con la mia Napoli e la musica italiana che ascolto, spaziando dalla scena indie alla rap e a quella pop.

Cosa vuoi trasmettere con questo brano?

Felicità, spensieratezza, voglia di ballare sorseggiando un drink, ma mi piacerebbe anche trasmettere un momento di riflessione ascoltando attentamente le parole del brano. Ho sempre amato la contrapposizione tra due stati d’animo completamente opposti come felicità e tormento. Mi piace trasmettere i miei disagi con leggerezza, a ritmo di musica.

C’è anche un videoclip, come si caratterizza?

Il videoclip, girato e diretto da Alessandro Freschi, è stato realizzato girando tra le strade e i vicoli di Napoli, da via Toledo, ai quartieri spagnoli, da piazza del Plebiscito a Mergellina danzando sulle mie note tra le mura della mia città. Mostrando le bellezze della mia terra, dove è radicata la mia musica e la mia anima.

Come nasce il tuo progetto musicale?

Nasce dall’incontro (casuale, come tutte le cose belle della vita) con i miei attuali produttori, Mauro Spenillo ed Antonio de Carmine, alias Principe&SocioM. È stato amore a prima vista, un’intesa umana ed artistica che ci ha legati ed uniti fin da subito. Uno dei loro primi dischi si chiamava, non a caso, Alibi Funky. L’amore in comune per Pino Daniele e tutta la bella musica, quella vera, che ci emoziona, hanno fatto il resto. Dopo aver ascoltato qualche mio provino, ci siamo incintrati, e mai più separati. Ormai sono più di due anni che collaboriamo e conto di lavorare e continuare a produrre bella musica insieme a loro per tanto, tanto tempo ancora.