Giuspi ci racconta il suo brano d’esordio “Nata per scroccare”

76

nata per scroccare

“È stata scritta in un pomeriggio di primavera, mentre ripensavo al mio vissuto durante una chiacchierata con un amico”

Dal 4 dicembre è disponibile in rotazione radiofonica e su tutte le piattaforme di streaming “Nata per scroccare” (The Web Engine), brano d’esordio di Giuspi. Una canzone per sgombrare la mente e sentirsi più leggeri, come quando siamo bambini: “Nata per scroccare” è il brano di debutto di Giulia Spinello, in arte Giuspi. Insieme alla produttrice artistica Anita De Luca, l’artista ha cercato di trovare un arrangiamento che mettesse in risalto soprattutto il testo, senza allontanarsi dalla natura del pezzo così come lo ha immaginato nella sua testa. Le sonorità scelte vanno in direzione di un sound anni ‘80 ma con una nota fresca e molto attuale.

Giuspi ci ha gentilmente concesso un’intervista.

“Nata per scroccare” è il tuo brano d’esordio, di che cosa si tratta?

Il brano parla ironicamente del gesto dello scrocco che tutti più o meno, abbiamo compiuto almeno una volta nella vita, dalla sigaretta, al sorso della birra di un amico, fino ad arrivare alla patatina presa di sfuggita dalla pizza di qualcun altro, non è un invito a scroccare tutto, è tutto descritto in maniera ironica anche se dentro parlo anche di me e della mia vita fino ai 17 anni.

Le sonorità scelte vanno in direzione di un sound anni ‘80, com’è maturata questa scelta?

La produzione è partita dal canonico “chitarra e voce”, che la produttrice ha iniziato a scomporre, risuonare e canticchiare in studio per dare una definizione di struttura e un accenno di direzione artistica. La prima impressione ha portato sicuramente a una naturale tendenza verso il panorama sonoro degli anni ’80-90, dalla sigla di “Willy, il principe di Bel-Air” ai lead synth della disco music: “Nata Per Scroccare” si trova lì in mezzo, senza farsi mancare il piacere di sperimentare con suoni nuovi e rumori quotidiani processati in digitale.

Il videoclip ufficiale del brano è particolare, come si caratterizza?

Il videoclip si caratterizza sicuramente per la sua particolarità nell’essere stato fatto im digitale e per lo stile cartoon e semplice che appare sin da subito agli occhi di chi guarda, oltre a questo i colori sgargianti e forti restano facilmente in mente e colpiscono in maniera positiva, é un video non troppo complesso ma molto creativo!

Sei cresciuta sin in un ambiente artisticamente stimolante, quanto ha influito questo aspetto nella tua formazione musicale?

L’ambiente in cui si cresce è sicuramente importante per un futuro artista come per qualsiasi altro bambino, credo che stare a contatto ogni giorno con un musicista (mio padre) e soprattutto ascoltatore incallito, abbia senz’altro favorito il mio flusso di creatività e la mia tranquillità. Credo anche però che questo bisogno viscerale di fare musica sarebbe uscito fuori lo stesso, anche se avessi vissuto in maniera diversa perché quando ami la musica o l’arte in generale secondo me, lo sai fin da quando sei bambino.

Testo Nata per scroccare – Giuspi

Oggi vi racconto una storia,
Un po’ divertente,
Un po’ scoraggiante,
Ma che vi riempirà sicuramente quattro, cinque
O sei minuti della vostra vita.
Ascoltare! Su gli appunti!
Ero una bambina,
Occhi grandi verdi,
Bel sorriso,
Naso dritto,
Bei tempi, bei tempi!
Passavo le giornate temperandomi le dita,
Sperando si allungassero le unghie,
Che fatica!
Forse, non lo sapete,
Ma all’età di cinque anni,
Mia madre felice,
Non ci pensò due volte,
A sbattermi tra i banchi.
Forse pensava fossi già matura,
Mi era già caduto un incisivo.
Ero la più piccina,
Zaino sulle spalle,
Porta penne pieno di colori e di matite,
Si persero in due giorni,
Fulmini e saette!
“Giulia, per favore,
Fai attenzione, fai la brava”.
Salvatore era un mio compagnetto,
Mi prestava sempre tutto,
Dalla gomma al temperino,
Dalla classica brioscina,
Al pezzo di pane col salame,
Al sorso del suo succo,
Che gentile, che altruista!
Ad aiutarmi nel bisogno non fu solo lui,
Ce ne furono tanti,
Ma tanti, tanti altri.
Tutt’ora, a diciassette anni,
Mi prendo e mi riprendo
La roba senza grana…
Ah!

Sono nata per scroccare,
Tutto ciò che vedi,
Tutto ciò che guardi,
Ti scrocco pure l’aria che respiri,
La gente che ti osserva,
L’ultima sigaretta dentro il pacco di Marlboro.
Sono nata per rubarti,
La birra dal bicchiere,
Il morso della pizza con le patatine,
Il passaggio per la disco,
L’euro ed il cornetto,
Persino il tavolo in cui ti siedi con gli amici!
Parappapara…

Superata questa fase,
Fase elementare,
Arrivai alle medie col naso un po’ storto,
Occhi grandi,
Mani lunghe,
Gambe strane,
Denti storti.
Lo zaino di Hollie Hobbie
E la voglia di cantare.
Sì certo, un po’ cambiata lo ero,
Qualche cotta,
Due tre brufoli,
Ed un coniglio a casa.
Le giornate le passavo
Attaccando sui miei muri
I poster delle band che mi facevano sognare.
Francesco era il mio migliore amico,
Mi prestava sempre i fogli nelle ore di disegno,
Mi regalava il suo panino,
Mi spiegava le lezioni,
Diceva:
“Giulia è assente perché non si sente bene”.
Mi dava tutti i compiti, fatti,
Si offriva volontario quando non studiavo mate,
Mi diceva le risposte quattro, cinque, sette, otto,
Mi lasciava a casa con sua mamma e suo papà.
Se vuoi saperla tutta,
Quando ero messa male,
Non fu solo lui ad aiutarmi.
Diciassette anni di mangiare e bere senza soldi,
Lo scroccare è pura arte,
Prendi nota!
Fai il furbone!

Sono nata per scroccare,
Tutto ciò che vedi,
Tutto ciò che guardi,
Ti scrocco pure l’aria che respiri,
La gente che ti osserva,
L’ultima sigaretta dentro il pacco di Marlboro.
Sono nata per rubarti,
La birra dal bicchiere,
Il morso della pizza con le patatine,
Il passaggio per la disco,
L’euro ed il cornetto,
Persino il tavolo in cui ti siedi con gli amici!
Parappapara…
Ti scrocco pure l’aria che respiri…
Ti scrocco… Ti scrocco pure l’aria che respiri…
Ah, ah…
L’ultima sigaretta dentro il pacco di Marlboro,
Di Marlboro…

Testo e musica: Giulia Spinello e Anita De Luca
Produzione Art ed esecutiva: Giovanni B. Di Dio
Label: THEWEBENGINE
Produzione e montaggio video: Make