In radio “One isn’t enough” di Anita Costa

12
foto di Daniela Vignati

MILANO – Dal 22 novembre è in radio “One isn’t enough”, inedito contenuto in “Teapot”, il nuovo album di Anita Costa disponibile dallo stesso giorno in digitale. «Oggi, 2022, non si ha più la pazienza di aggiustare le cose che non vanno, se una relazione non funziona si passa ad un’altra, se una cosa si rompe la si butta, non si ripara… E quindi non basta più una cosa per sentirsi completi, per sentirsi appagati, abbiamo bisogno di più – afferma Anita Costa – e questa continua necessità di avere di più, più contatti, più follower, più consumismo sfrenato ha modificato e trasforma ogni giorno il nostro status symbol. Si è persa quella semplicità primordiale di star bene con sé stessi pur avendo poco».

“One isn’t enough” nasce da un motivo di tre note su cui si sviluppa un mondo armonico che si arricchisce man mano con il passare delle battute per poi tornare al minimalismo dell’inizio. Fonde il pianoforte e il basso, con i suoni classici orchestrali, a un sound elettronico moderno fatto di grooves ritmici e tappeti sonori di synth eterei.

“Teapot”, il nuovo album e nuovo progetto musicale dal respiro internazionale, è stato interamente prodotto da Anita Costa presso il Bunker Home Studio di Milano insieme al produttore artistico e arrangiatore Paolo Agosta. Composto e prodotto negli ultimi quattro anni, durante un percorso evolutivo dell’artista, è un disco onirico che regala immagini, emozioni e accompagna l’ascoltatore in luoghi lontani. L’artista paragona l’album ad una teiera che contiene un infuso di stati d’animo, di suoni e profumi che richiamano la natura.

Questa la tracklist dell’album: “Monaci in the night” brano incalzante e positivo; “Elettrodi” riporta allo stato primordiale della terra; “Teapot” sensazione di stasi, riflessione e meditazione; “Mystic river” stupore e curiosità; “Autumn 18” la trasformazione della natura e dei i suoi colori; “Bluette” senso di liberazione e leggerezza; “Cinematic” echi di Trip-hop francese; “It wasn’t my fault” sonorità pink floydiane; “One isn’t enough” passato e presente; “Monferrato hills” dedicato alla sua terra di origine.