“Infinite possibilità per esseri finiti”, il nuovo album di Giovanni Truppi

44

ROMA – Sette performance uniche in cui musica e teatro d’ombra si incontrano per svelare in anteprima il nuovo disco di un cantautore che da sempre insegue le infinite possibilità del suono, delle parole, dell’Arte. “Infinite possibilità per esseri finiti” è il titolo del nuovo album di Giovanni Truppi prodotto da Marco Buccelli e Niccolò Contessa e in uscita in primavera per Virgin Music Las/Universal Music Italia. Ed è anche il nome dello speciale tour di sette appuntamenti, organizzato da Ponderosa Music & Arts, in cui l’artista presenterà in anteprima al suo pubblico il suo nuovo progetto artistico.

Si comincia l’1 aprile dal Teatro del Parco a Mestre – VE (data zero) per poi proseguire il 5 al District 272 a Milano, il 6 a Il Garibaldi a Prato, il 13 al Teatro Garybaldi a Settimo Torinese – TO, il 14 al TPO a Bologna, il 15 al Teatro Acacia di Napoli e il 16 allo Spazio Rossellini a Roma. Non un concerto classico, ma un vero viaggio inedito nel nuovo disco che vedrà Giovanni Truppi affiancato dal sodale Marco Buccelli. Un’occasione irripetibile per ascoltare un live totalmente rinnovato, dalla veste sonora inaspettata, in dialogo con il raffinato teatro d’ombre di Unterwasser compagnia al femminile che indaga le reciproche contaminazioni tra il teatro di figura e le arti visive, vincitrice del Premio della Critica 2022 dell’ANCT (Associazione Nazionale dei Critici di Teatro) e che ha presentato i propri lavori in tutto il mondo e nei più prestigiosi festival italiani, dalla Biennale Teatro di Venezia al Romaeuropa Festival.

Lo sguardo profondo sulla realtà di Unterwasser, fatto di attenzione per le luci e per le ombre, di raffinata cura del dettaglio e di amore per l’artigianalità del prodotto artistico, si sposa alla perfezione con la poetica di Truppi e con la sua visione creativa, volta a plasmare mondi sonori originali e sempre in evoluzione, sopra e oltre ogni tentativo di catalogazione. Un’occasione imperdibile per calarsi nelle trame della storia raccontata nel nuovo disco del cantautore napoletano, in cui le canzoni sono legate indissolubilmente tra loro e si intrecciano con i visual creati ad hoc da Unterwasser, in un sorprendente connubio tra immagine e suono.