La Spezia, la GdF sequestra ricambi e accessori per moto contraffatti

40

sequestro ricambi contraffatti la spezia

La Guardia di Finanza della Spezia con il personale del Reparto Antifrode del locale Ufficio delle Dogane hanno sequestrato oltre 12.500 pezzi di ricambio ed accessori per moto contraffatti provenienti dalla Cina

LA SPEZIA – I funzionari del Reparto Antifrode ADM della Spezia ed i militari del Gruppo Guardia di Finanza di La Spezia, nell’ambito delle attività di analisi dei rischi congiunta sui carichi in entrata nello scalo spezzino, hanno intercettato due diverse spedizioni provenienti dalla Cina e destinate al medesimo importatore italiano. All’atto dei controlli tra i prodotti in importazione sono state rinvenute diverse migliaia di pezzi di ricambi e accessori per motoveicoli recanti i marchi di note case motociclistiche (HONDA, YAMAHA, BENELLI, PIAGGIO, BMW) che, a seguito di perizie tecniche effettuate da parte dei titolari, sono risultati contraffatti e posti sotto sequestro.

Le successive attività di indagine delegate dalla locale Procura della Repubblica, condotte anche mediante perquisizione dei locali aziendali in uso all’importatore, hanno consentito di rinvenire e sequestrare ulteriori accessori e parti di ricambio contraffatti che l’importatore deteneva per la vendita. Con gli ulteriori riscontri effettuati mediante l’analisi della documentazione sottoposta a sequestro e la consultazione delle banche dati gestite dall’amministrazione doganale, è stato possibile individuare numerose pregresse spedizioni di ricambi contraffatti, la gran parte dei quali già commercializzati a ignari clienti convinti di acquistare prodotti originali in quanto come tali venivano pubblicizzati sul sito dell’importatore.

A conclusione delle attività sono stati posti sotto sequestro oltre 12.500 articoli contraffatti e l’importatore è stato denunciato per il reato di introduzione nello Stato e commercio di prodotti contraffatti, aggravato dalla reiterazione nel tempo.

L’impegno di ADM e della Guardia di Finanza nel contrasto alla contraffazione mira a evitare l’introduzione illegale nel territorio unionale di prodotti con forme e marchi registrati, a tutela dei consumatori e delle aziende produttrici titolari di tali diritti.