“Massimiliano Galliani, il suo spazio, il suo tempo” la dedica all’artista

26

La mostra in ricordo dell’artista visitabile dal 6 novembre all’11 dicembre 2022 all’interno del Palazzo Civico di Montechiarugolo a Parma

c2663_Massimiliano_Galliani_Attraverso_2018_matita_su_carta_cm_60x42

PARMA – Il Comune di Montechiarugolo ricorda l’artista Massimiliano Galliani, scomparso nel 2020 a soli trentasette anni, con la mostra “Massimiliano Galliani, il suo spazio, il suo tempo”, a cura di Eleonora Frattarolo, visitabile dal 6 novembre all’11 dicembre 2022 all’interno del Palazzo Civico in Via Liberazione 2, Montechiarugolo, Parma.

La mostra, che sarà inaugurata domenica 6 novembre alle ore 17.00, è realizzata dall‘Associazione culturale artMacs insieme alla famiglia di Massimiliano Galliani per tutelare e promuovere la sua ricerca, trasformando un lutto in opportunità per giovani artisti.

«Massimiliano – scrive Daniele Friggeri, Sindaco di Montechiarugolo oltre ad essere un grande artista era soprattutto un amico, per me e per tanti di Montechiarugolo; la sua famiglia è sempre stata affezionata al nostro territorio. Con Massimiliano c’era l’attitudine al ragionamento nell’ottica di valorizzare la nostra comunità da diversi punti di vista… Ricordo l’iniziativa sugli animali fatta insieme nelle scuole di Basilicagoiano, le riflessioni per una futura prospettiva del borgo e sul collegamento delle due sponde del parmense e del reggiano, tutti progetti che ci vedevano uniti nella voglia di sognare un futuro diverso per Montechiarugolo e che sono felice di portare avanti oggi. Così, mentre proseguiamo i lavori per il borgo e nella pista ciclabile della Fratta, con questa nuova mostra Montechiarugolo vuole rendere omaggio al grande Massimiliano, che ricordiamo con immenso affetto e le cui visioni e sogni ci mancano enormemente».

«Abbiamo scelto di chiudere la stagione espositiva 2022 – aggiunge Laura Scalvenzi, Vice Sindaco e Assessore del Comune di Montechiarugolo con una mostra dedicata ad un grande artista intimamente legato al nostro territorio, nel quale aveva scelto di vivere con i suoi affetti. Un nostro omaggio a Massimiliano Galliani che è un omaggio alla sua ricerca, storia e visione artistica, ed è anche un omaggio da e per Montechiarugolo stessa, che ha il privilegio di ritrovare e ricordare, in questo modo, il legame, reciso anzitempo, con l’artista».

Il percorso espositivo comprenderà circa venticinque opere per illustrare i diversi ambiti della ricerca di Massimiliano Galliani: dall’implicazione nella videoarte, testimoniata da alcune videoinstallazioni e dal significativo documentario “Il Racconto di Luigi Ontani” (sezione della mostra “Luigi Ontani incontra Giorgio Morandi”, Grizzana Morandi, Bologna, 2015), alle sperimentazioni pittoriche del ciclo “LSDT – Le Strade Del Tempo”, legate alle crettature che circondano gli occhi de “La Gioconda”. Da “Riflesso su tela”, ovvero la riproduzione ad olio dell’immagine riflessa di un soggetto che si pone di fronte ad una tela nera lucida, a la serie dei “Fiumi”, in cui l’acqua, metafora di vita, scorre nella foglia d’oro. E infine, i memorabili disegni di Massimiliano Galliani, eseguiti tramite il linguaggio nevralgico della sua poetica, metafora, di volta in volta angosciata o giocosa, del proprio mondo interiore e della propria tensione verso il visibile e l’invisibile.

È inoltre presente in mostra un gioiello prezioso – il “Pipistrello galattico” – disegnato da un Massimiliano poco più che diciassettenne, amante dei travestimenti e dei supereroi, per la madre Laura, apprezzata designer di gioielli, che lo ha realizzato in oro, turchesi, rubini e lapislazzuli.

Scrive la curatrice della mostra Eleonora Frattarolo: «[…] Fino al 2020, anno in cui il suo corpo e la sua anima varcano la soglia dell’altra dimensione, disegna un diaframma squarciato, ciò che in Fisica si definisce un “presente esteso”, una “zona intermedia” fra il passato e il futuro, una struttura dello spaziotempo, da cui con angoscia fuoriesce il suo volto, e animali, fiori, frammenti di Natura, per mezzo di un tratto magistrale disvelati con singolare leggerezza. Credo che Galliani dia forma a ciò che il neuropsichiatra Gianni Borgna definisce “la consapevolezza che la sofferenza è in ogni caso la via di una trasformazione, l’accesso a un nuovo percorso”, una “iniziazione a un processo interiore, e non solo come vita avvilita”. Ma certo così agendo afferma il suo talento, la sua unicità, il suo carattere, la sua vocazione e il suo daimon».

ORARI
Sabato e domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00
Aperture straordinarie:
Martedì 8 dicembre, Festa dell’Immacolata, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00

Per informazioni: T. +39 0521 687736