Milano, Sala: “Basta sparate su Area B, le macchine con divieto sono 40mila”

15

MILANO – “Mettiamo i numeri chiari sul tavolo: alle sparate leghiste su 1 milione di macchine che non potranno entrare nell’area B rispondo che, oggi, le macchine che non possono entrare e che sono interessate da questo divieto sono poco più di 40 mila. Poi c’è il Move-In e la Regione cosa ha fatto? Niente”. Così il sindaco di Milano Giuseppe Sala a margine di un convegno sulla qualità dell’aria organizzato nell’ambito del Forum Ambiente del Comune all’Acquario Civico.

A chi lo sollecita sulle polemiche suscitate dalla scarsa comunicazione delle misure relative ad Area B, replica: “Le regole erano state chiarite da tanto tempo, dopodiché può essere responsabilità nostra. Ma chi oggi contesta, da Aci a regione Lombardia, poteva da un lato fare la sua parte, Regione Lombardia per prima col Move In, e dall’altro, se il tema era così caldo, intervenire prima. Detto ciò, io credo che si debba andare avanti senza alcun indugio perchè è in linea con la nostra visione e la nostra azione politica. Come ho detto già più volte, escludo ripensamenti”.

Il sindaco inoltre si mostra propenso anche a escludere deroghe per gli agenti di polizia: “Vediamo ma ripeto, a deroghe non si finisce più. I diritti degli uni non sono diversi dai diritti degli altri, quindi io sto invitando anche i miei della mobilità a limitare le deroghe”.

“I rinvii – ribadisce e conclude – non sono nel mio stile perché sto facendo esattamente quello che ho proposto in campagna elettorale. Molta della politica si diverte nel fare sparate e non applicarle. o non sono meglio degli altri ma sono più coerente, l’avevo detto quindi non esiste la possibilità di rinvii”.