“Patagonia” è il nuovo singolo di Pianista Indie: l’intervista

38

pianista indie

“Ogni muro è una porta in trasparenza tra tutti gli esami ricorda quello di coscienza e non sprecare lacrime nuove per vecchi dolori i sogni lasciati ad ammuffire in un cassetto emanano cattivi odori”

Venerdì 14 gennaio 2022 esce Patagonia, il nuovo singolo di Pianista Indie, fuori per Mescal – Fenix Music. Le canzoni di Pianista Indie, compresa questa, sembrano un presagio; le ascolti e ti guardi intorno per capire se sei ancora lì o se ti hanno trasportato nel loro mondo. Un ritmo incalzante che passa attraverso le nebbie e i turbinii invernali e ci trasporta in un posto caldo, accogliente, sdraiati sull’amaca, sono il toccasana di una nuova canzone, di un nuovo singolo, inedito anche nel mood. Il singolo Patagonia verrà accompagnato dal suo videoclip, che sarà il terzo estratto in ordine temporale dal Film (ancora inedito) Life ma che in realtà rappresenta il Capitolo 2 della Trilogia iniziata con Kubrick (Capitolo 3) e continuata con Ciao (Capitolo 1). Life è un progetto ampio, concettuale e visionario firmato dalla regia di Pierluigi Patella e con colonna sonora originale di Pianista Indie, girato in uno scenario esclusivo – quasi un mondo parallelo – il “Piccolo Tibet” di Campo Imperatore, ai piedi del Gran Sasso d’Italia.

Pianista Indie ci ha gentilmente concesso un’intervista.

“Patagonia” è il tuo nuovo singolo, di che cosa si tratta?

È una canzone nata in 10 minuti al pianoforte, una canzone come tante, per me non ha nulla di speciale, le canzoni nascono e muoiono ogni giorno, alcune diventano immortali, altre sfioriscono subito, alcune ti segnano la vita, altre meno ma tutto questo non dipende da chi le scrive.

Cosa vuoi trasmettere con questo brano?

Patagonia è una canzone pesante con un vestito leggero. Mi piacerebbe che la gente, dopo averla ascoltata, possa riflettere sul significato delle parole senza diventarne troppo complice. Voglio che Patagonia sia una carezza di vento, non un pugno allo stomaco.

Che tipo di accoglienza ti aspetti?

Ultimamente le proposte musicali sono troppe e la gente è distratta ma so che alcune persone si innamoreranno di Patagonia, altri la ignoreranno ma è giusto così. Le mie canzoni non nascono per piacere per forza alla gente.

Come nasce il tuo progetto musicale?

Pianista Indie rappresenta l’evoluzione di una profonda crisi artistica e personale. Ho ucciso me stesso per rinascere e dopo essere rinato, ho iniziato a scrivere canzoni per Pianista Indie.