Pietro Berselli ci parla di “Spettatore”, il suo nuovo singolo

109

pietro berselli

“Ogni tanto sento di non avere il minimo controllo su quello che mi succede attorno, sembra che tutto mi passi davanti agli occhi ai 300 km/h mentre io sono lì a guardare, fermo, come davanti ad uno schermo”

Venerdì 11 giugno 2021 è uscito Spettatore, il nuovo singolo che annuncia il ritorno di Pietro Berselli e l’uscita del suo nuovo album Evidentemente No, fuori per Dischi Sotterranei. Un nuovo capitolo per il cantautore di stanza a Brescia ma ancora fedele alla scena padovana che ci racconta, con il suo inconfondibile e timido cantautorato rock, come si vive la vita da spettatore.

Pietro Berselli ci ha gentilmente concesso un’intervista.

“Spettatore” è il tuo nuovo singolo, di che cosa si tratta?

È il singolo che anticipa l’uscita del disco da titolo “Evidentemente no” il 3 settembre per Dischi Sotterranei

Cosa vuoi trasmettere con questo brano?

Spettatore parla della sensazione di restare fermo mentre tutto scorre ai 300km/h, della sensazione di perdere il treno, di restare indietro, di non essere riusciti a cogliere l’occasione. Dell’ansia di dover fare e avere tutto e subito.

Che tipo di accoglienza ti aspetti?

Mi piace pensare che dopo tanti anni dall’ultimo disco possa esserci ancora qualcuno che ascolta con curiosità le mie canzoni.

Come ti sei avvicinato al mondo della musica?

Ascoltando valanghe di musica da ragazzino probabilmente. Poi ho iniziato a sentire la necessità di scrivere qualcosa.