“Romantico”, il debutto discografico di GuidoInArteRoberto

72

guidoInarteroberto

“Ho scelto questo brano come primo singolo perché è forte, ha tiro, è semplicemente glamour il progetto è nuovo, con i miei compagni di viaggio di Roba da Matti Dischi abbiamo scritto e suonato per intere nottate, abbiamo passato settimane in sala prove”

Romantico” (Roba da Matti Dischi/ MEI Digital) è il singolo che segna il debutto discografico di GuidoInArteRoberto, progetto di Guido Manglaviti, cantautore romano ma milanese di adozione.

GuidoInArteRoberto ci ha gentilmente concesso un’intervista.

“Romantico” è il tuo primo singolo, di che cosa si tratta?

Si tratta di un pezzo glamour, vintage, a tratti rock and roll. La stessa parola Romantico, è un po’ fuori moda, demodè. Ho scelto però di legare questa parola, a un testo molto diretto, passionale, spiccio.

Il brano anticipa l’album omonimo, ci puoi dare qualche anticipazione?

“Romantico” è il filo conduttore dell’intero disco. Ci saranno 11 tracce. Roba vera, sincera. Ci sarà qualcosa di più diretto a livello di messaggi e qualcosa di più sospeso. Ci puoi ballare, ma ti può venire in mente anche qualcuno per cui ancora ti si stringe un po’ lo stomaco. La cosa che però c’è sempre, è speranza, su tutto. Di tornare con una persona, di star bene con una persona o di star bene da solo.

Il brano è accompagnato da un videoclip, come si caratterizza?

Il protagonista del videoclip di Romantico è Joe Bavota, il sosia numero 1 in Italia e in Europa di Elvis Presley. Uno che ha speso la sua vita per omaggiare il suo idolo. Ha una limousine di 7 metri, il ciuffo, un vestito pieno di paillettes e uno sguardo magnetico. Cosa c’è di più romantico se non questo?

Il tuo nome d’arte è dedicato a Roberto Baggio, come mai questo omaggio?

Sono un tifoso, uno che le partite non le guarda con la giusta filosofia, mi piace gridare, sentire che faccio parte di qualcosa e Baggio è il mio idolo. Uno che conosce il doppio lato della medaglia.