Tanta leggerezza in “Occhiali Rotti”, nuovo singolo di Rubik

15

“Occhiali Rotti rappresenta la voglia di vivere con gli occhi ciò che desideriamo con il cuore, senza porre limiti alla nostra immaginazione. Le ferite diventano il nostro punto di forza, i nostri occhiali rotti uno scudo, gli aeroporti le nostre fermate abituali”

rubikVenerdì 18 giugno 2021 per Supersugo Dischi e in distribuzione Artist First Occhiali Rotti, è uscito il nuovo singolo del cantautore toscano Rubik. Un nuovo capitolo sfacciatamente pop che non rinuncia al tema della mancanza, a dimostrazione che Rubik sappia far ballare su parole tristi. Un nuovo apitico singolo estivo che non sapevate di star aspettando.

Rubik ci ha gentilmente concesso un’intervista.

“Occhiali Rotti” è il nuovo singolo, di che cosa si tratta?

Occhiali Rotti rappresenta la voglia di vivere con i nostri occhi ciò che vogliamo e quindi sottrarre i limiti, dettati dai filtri, alla nostra immaginazione.

Cosa vuoi trasmettere con questo brano?

Tanta leggerezza, voglia di viaggiare dando un pizzicotto alla malinconia che a volte ci assale, mentre cerchiamo la libertà, soprattutto dopo un periodo di questo tipo. Credo che questo sia un desiderio comune.

Che tipo di accoglienza ti aspetti?

Spero di poter abbracciare metaforicamente sempre più persone! È importante per un emergente avere un confronto diretto con il pubblico, per capire quanto il messaggio che si vuole esprimere, arrivi o meno. Dopo l’affetto che mi è stato dimostrato con Accanto, lo scorso singolo, spero di poter replicare. La mia musica è una sfumatura e mi piacerebbe che arrivasse a tutti.

Come nasce il tuo progetto musicale?

Dalla voglia di raccontare esperienze che la vita mette a disposizione, esprimendone le emozioni che più mi fanno riflettere e crescere, condividendole con gli altri, per far nascere un confronto. Credo che in fondo la musica sia questo: condivisione.