“Teenage Rage” il nuovo singolo di Simone Corvino

85

simone corvino

“Questo è il mio esordio come artista, ma direi anche come persona. Una gran parte di queste canzoni del disco Chaos Theory, sono nate intorno ai 16 anni”

Dall’8 aprile 2022 sarà in rotazione radiofonica “Teenage Rage”, il singolo di Simone Corvino estratto dal nuovo album “Chaos Theory” (NyNa City 91 records) disponibile sulle piattaforme digitali dal 6 aprile 2022. “Teenage Rage” è il primo singolo di Simone Corvino estratto dal nuovo album Chaos Theory. Si tratta di un brano che Simone ha scritto all’età di 16 anni a New York City, il primo di un lungo repertorio che nel corso di questi ultimi anni lo vede protagonista con l’uscita di questo suo primo album. La scelta di Teenage Rage come prima traccia, con cui iniziare il suo viaggio, è una precisa volontà dell’artista: “… e così facendo si rese conto che l’ordine cronologico con cui le sue canzoni sono state scritte raccontavano una storia: la sua storia”.

Simone Corvino ci ha gentilmente concesso un’intervista.

“Teenage Rage” è il tuo nuovo singolo, di che cosa si tratta?

Come è descritto nel titolo, è una canzone di rabbia ovviamente, come lo è anche ironica. L’ho scritto da adolescente al liceo e, come molti ragazzi, non mi piaceva la struttura intorno a me e ciò che la società si aspettava dagli adolescenti. A quel tempo c’erano anche le elezioni presidenziali statunitensi del 2016 e all’epoca ero infuriato con la società americana. Inoltre, mi ero appena trasferito dall’Italia per andare in America e mi sentivo molto isolato, e diciamo che il sistema educativo americano non era un bel contesto per quello. Essenzialmente la canzone era una sorta di ribellione contro tutto questo.

Il brano è estratto dal nuovo album “Chaos Theory”, come si compone?

L’album è nato in modo molto casuale. Ho dovuto trasferirmi in America per un motivo davvero sfortunato, e onestamente non è stato molto facile essere un ragazzo italiano che parlava inglese però era abbastanza timido in un liceo americano a Washington D.C. Come ogni altro artista probabilmente pensa del proprio lavoro, questo album è stato il mio unico modo per esprimere tutte queste forti emozioni dovute a forti cambiamenti. In sostanza ho iniziato a scrivere le mie prime canzoni all’età di 16 anni, e quando ero al college avevo accumulato una notevole quantità di materiale. Quelle canzoni sono un mix di esperienze di vita reale e finzione e, una volta messe insieme in un album, capii che raccontavano una storia. Non posso dire con certezza esattamente qual’è questa storia, ma le canzoni formano una storia con temi attuali come il raggiungimento della maggiore età, la perdita, il dolore, la paura. Tutto quello che provavo a quell’età.

C’è anche un video, come si caratterizza?

Il video racconta l’adolescente che insegue il suo stesso subconscio, cercando di ribellarsi all’aggressività imposta dal sistema mondo e a tutte le sue allucinazioni. È stato il mio primo vero video musicale, e stavo semplicemente ballando e facendo quello che volevo. C’era una specie elettricità in me in quel momento che è venuta fuori nel mio movimento e nella mia performance. Ovviamente non avevo idea di come sarebbe stato il video quando lo avevamo girato, ma appena mi è stato inviato ho visto che si trattava di una perfetta cacofonia di colori, movimenti sporadici e inquadrature dinamiche che si abbinavano perfettamente all’energia di ciò che scrissi tanti anni fa.

Come ti sei avvicinato al mondo della musica?

Ovviamente ho ascoltato la musica per tutta la mia vita, ho avuto genitori e un buon amico di famiglia, Antonio de Carmine, che hanno sempre avuto un ottimo gusto musicale, quindi sono sicuro che mi hanno influenzato da prima che facessi il mio primo passo. Ma è stato solo quando ho deciso di prendere in mano la mia libertà creativa, e ho smesso di andare alle lezioni di chitarra, che sono stato in grado di iniziare a realizzare una delle uniche parti di me stesso che mi piaceva davvero. Era la parte di me che si sentiva in pace quando cantavo una canzone e suonavo la chitarra. Era una parte di me che aveva una voce, ed era l’unica cosa che pensavo di saper fare.