“The Handel Project”, il nuovo album di Seong-Jin Cho

4

the handel project

The Handel Project abbina brani di spicco dei primi anni del ‘700 con le spettacolari Variazioni e Fuga su un tema di Handel di Brahms

Le suite per tastiera di Handel sono rimaste sconosciute alla maggior parte dei pianisti concertisti. Seong-Jin Cho spera che il suo ultimo album per Deutsche Grammophon getti nuova luce su alcuni dei brani più intensi del repertorio barocco. In uscita il 3 febbraio 2023, The Handel Project contiene tre delle suite preferite dal ventottenne pianista sudcoreano, tratte dalla prima raccolta di Suites de pièces pour le clavecin di Handel. A queste si aggiungono le virtuosistiche Variazioni e Fuga su un tema di Handel di Brahms, che Cho ritiene essere “le migliori variazioni che siano mai state scritte”.

L’artista è stato attratto dalle Suite per tastiera di Handel dopo anni di immersione nella musica di periodi successivi. Innamoratosi della loro ricchezza di idee musicali e dell’ampia invenzione melodica, Cho ha ascoltato le registrazioni delle opere al clavicembalo, lo strumento per il quale erano state concepite, e ha affinato la sua tecnica di diteggiatura per dare diversi colorii e peso alle linee contrappuntistiche di Handel. Ha evitato il più possibile il pedale di sostegno, ma ha modificato alcune dinamiche per sfruttare le potenzialità del pianoforte moderno.

“Naturalmente Bach è il compositore barocco più famoso”, osserva Cho. “Ma qualche anno fa ho scoperto le Suite di Handel e mi sono reso conto che contengono tanti splendidi pezzi, che non sono suonati così spesso dai pianisti su un pianoforte moderno. Non ricordo quando ho ascoltato per la prima volta la musica di Handel, ma mi sono interessato alle opere di compositori barocchi – Handel, Rameau, Couperin – fin dall’adolescenza. Volevo davvero esplorare questo tipo di musica e sono stato molto felice di registrare questo album. Per me la musica di Handel viene direttamente dal cuore, quindi la gente può seguirla facilmente”.

Seong-Jin Cho ha selezionato tre brani dal primo dei due volumi di suite per tastiera di Handel, pubblicato originariamente a Londra nel 1720 in risposta a un’edizione contemporanea di copie pirata di quelle che il compositore chiamava “lezioni” per tastiera. Il Progetto Handel si apre con l’Adagio della Suite n. 2 in fa maggiore HWV 427, un’aria senza parole che precede una sequenza di movimenti veloci-lenti-veloci. La Suite n. 8 in fa minore HWV 433 inizia con un malinconico preludio che lascia il posto a un’entusiasmante fuga, a un’elegante allemande e a una vivace combinazione conclusiva di courante e gigue. Cho conclude la sua scelta con la Suite n. 5 in mi maggiore HWV 430, famosa per il suo movimento finale aria e variazioni, meglio conosciuto come “Il fabbro armonioso”.

Il pianista desiderava anche esplorare in che modo Handel ha influenzato i compositori successivi e ha quindi scelto di registrare anche la straordinaria soluzione creativa di Brahms alla musica di una delle Suite. Le Variazioni e fuga su un tema di Handel furono composte nell’arco di poche settimane nel settembre del 1861, un risultato notevole data l’ampiezza inventiva e la varietà di stati d’animo dell’opera. Brahms basò le sue venticinque variazioni sull’aria della Suite n. 3 in si bemolle maggiore HWV 434 di Handel, un tema semplice sul quale lo stesso Handel costruì quattro brevi variazioni. Le sfide tecniche e la complessità musicale di questa composizione impongono requisiti elevati agli esecutori. “Penso che la fuga di Brahms sia un’opera geniale”, afferma Cho. “Anche se ci sono tante nuove idee nel pezzo, egli mantiene l’idea di Handel. La fuga è come una grande montagna che sappiamo essere difficile da scalare. Quando arrivo al culmine di questo pezzo, mi sento veramente sollevato. E mi emoziono molto”.

L’album si conclude con due brani singoli tratti dal secondo volume delle Suites de pièces pour le clavecin di Handel, pubblicato nel 1733: una sarabanda in si bemolle maggiore (HWV 440/3) e l’arrangiamento di Wilhelm Kempff di un minuetto in sol minore. “Ho trovato la trascrizione di Kempff online qualche anno fa”, ricorda il pianista. “Mi sembrava molto bella e pensavo che mi sarebbe piaciuto suonarla un giorno”.

TRACKLIST

GEORGE FRIDERIC HANDEL

Suite No. 2 in F major HWV 427 from 8 Suites de Pièces pour le Clavecin, 1720

1. Adagio – 2. Allegro – 3. Adagio – 4. Allegro [Fugue]

Suite No. 8 in F minor HWV 433 from 8 Suites de Pièces pour le Clavecin, 1720

1. Prélude – 2. Allegro [Fugue] – 3. Allemande – 4. Courante – 5. Gigue

Suite No. 5 in E major HWV 430 from 8 Suites de Pièces pour le Clavecin, 1720

1. Prélude – 2. Allemande – 3. Courante – 4. Air – Double I–V [Air with 5 Variations “The Harmonious Blacksmith”]

JOHANNES BRAHMS

Variations and Fugue on a Theme by Handel in B flat major op. 24

GEORGE FRIDERIC HANDEL

Sarabande in B flat major HWV 440/3 3rd mvt. from Suite No. 7 in B flat major from 9 Suites de Pièces pour le Clavecin, 1733

Menuetto in G minor arr. Wilhelm Kempff in past editions treated as 4th mvt. from Suite No. 1 in B flat major HWV 434

from 9 Suites de Pièces pour le Clavecin, 1733

2023 TOUR DATES – The Handel Project

5 February | Hannover, DE

6 February | Düsseldorf, DE

8 February | Hamburg, DE

9 February | Dortmund, DE

10 February | Geneva, CH

13 February | London, UK

15 February | Milano, Conservatorio Sala Verdi, Società dei Concerti

16 February | Berlin, DE

19 February | Vienna, AU