Torna nelle sale da oggi “Volevo nascondermi”

ROMA – Torna nelle sale da oggi, 19 agosto, “Volevo nascondermi”, il film sul pittore Antonio Ligabue con uno straordinario Elio Germano diretto da Giorgio Diritti. Prodotto da Rai Cinema e Palomar con il sostegno della Regione Emilia-Romagna, e con la distribuzione a cura di 01Distribution, il lungometraggio sarà di nuovo in tutti i cinema poco dopo ferragosto per provare ad avere una seconda chance dopo gli scarsi incassi dovuti al lockdown di questa primavera. “Volevo nascondermi” si ripresenta al pubblico forte di tre importanti riconoscimenti: ha infatti vinto l’Orso d’argento al Festival di Berlino, imponendosi anche ai Nastri d’Argento e ai Globi d’Oro. Nel cast, oltre a Elio Germano, figurano altresì Oliver Ewy (Ligabue da adolescente), Leonardo Carrozzo (Ligabue da bambino), Pietro Traldi (Renato Marino Mazzacurati), Orietta Notari (la madre di Mazzacurati), Andrea Gherpelli (il pittore Andrea Mozzali), Denis Campitelli, Filippo Marchi, Maurizio Pagliari, Francesca Manfredini, Paola Lavini e Gianni Fantoni. La prima uscita di questa pellicola era inizialmente prevista per il 27 febbraio, ma era poi stata rinviata a causa dell’inizio della pandemia. Elio Germano interpreta egregiamente Antonio Costa, conosciuto come Ligabue, immaginifico pittore nato in Svizzera e cresciuto poi a Gualtieri, in provincia di Reggio Emilia, dove morì nel 1965.

“Si può nascere con una fisicità sgraziata, una mente velata da una moderata follia, ci si può sentire sbagliati, soli, o avere voglia di nascondersi per la ‘vergogna di esistere…’ ma si può credere nel proprio talento e farlo diventare l’occasione del riscatto – ha dichiarato il regista Diritti – C’è sempre un modo per essere se stessi ed essere amati e Toni Ligabue lo voleva senza mollare mai”. Come si diceva, “Volevo nascondermi” si è aggiudicato, tra gli altri, anche i Nastri d’Argento. Per la precisione, il film ha vinto il Nastro dell’anno, che premia il regista, i produttori (Carlo Degli Esposti e Nicola Serra per Palomar e Paolo Del Brocco per Rai Cinema) ed Elio Germano (con un Nastro collettivo per l’intera squadra dei collaboratori tecnici). La bravura dell’attore romano in questo ruolo è stata riconosciuta a livello pressoché unanime. Da sottolineare che l’ultimo weekend prima del lockdown è stato quello che ha fatto registrare il peggior incasso di sempre per il cinema italiano: solo 439.515 mila euro, con un meno 79% rispetto al precedente già disastroso (-65%), a sua volta già drammatico sul precedente (-44%). E, nello specifico, “Volevo Nascondermi” aveva incassato appena 90.532 mila euro, con oltre 14mila presenze in 204 sale. Dall’8 marzo i cinema erano stati chiusi per le misure di contenimento del contagio da coronavirus. Ora potrebbe esserci, per questa opera, una meritata rivincita.