Una voglia assurda, il nuovo singolo di J-Ax [VIDEO]

j ax una voglia assurda

Ritorno in grande stile per il rapper e produttore milanese, che urla la speranza di uscire di nuovo e tornare alla normalità

Una voglia assurda – sì – di stare tra la gente e urlare come in curva: per dirla con J-Ax. Tra base funk e rime old school, il cantautore lombardo torna con un brano che incarna un po’ il mantra che tutti ripetono di questi tempi. Tornare alla normalità e finalmente poter tornare a sorridere: cose piccole e quotidiane, come il potersi tornare a togliere la sabbia dalle scarpe, o il potersi sedere tranquillamente in un bar.

Bar che, fra l’altro, sembra ritrovare il buonumore non appena il buon J-Ax entra – anzi irrompe – al suo interno e rompe la monotonia. È un J-Ax in stile Yes Man, quello che vediamo nel nuovo clip. E poi non è solo una questione di divertimento: nel clip viene data molta attenzione anche al poter abbracciare di nuovo i propri cari. Fidanzati, anziani e bambini: quegli affetti che a lungo ci sono mancati.

I riferimenti sono chiaramente rivolti all’estate che avanza e alla malcelata speranza che quello della quarantena possa rimanere solo un brutto ricordo. Dopotutto il poter uscire di nuovo porta Ax ad amare anche le cose che prima detestava: “E se potessi andare al mare / Ora sopporterei tutto / Anche quelli con il salvagente a fenicottero / Se in cielo vedo l’inviata di “Non è la D’Urso” / Mi tiro giù il costume / Le faccio l’elicottero / Anche il fan di Brunori Sas ora sogna il club / E pure Gigi D’Ag, persino il pezzo estivo di J Ax / Adoro il traffico della città / Il mio odio per la gente è sparito come i no vax.

Dissacrante e pungente, il J-Ax di Una voglia assurda è in fondo sempre lo stesso: infatti, oltre a vestire il nuovissimo smanicato Ciesse – frutto della collaborazione col brand – il rapper milanese si propone con la consueta positività cui ha abituato il suo pubblico in tanti anni di carriera. E questo nonostante la rigida quarantena che dalle sue parti, in Lombardia, è stata ancora più dura. Uscito due giorni fa, il brano è stato prodotto da Takagi & Ketra.

TESTO DI UNA VOGLIA ASSURDA – J-AX

L’industria della musica è fallita
Ma io ho un futuro perché ora so fare pizza margherita
La libreria di Netflix l’ho finita
Ora voglio fare binge watching alla vita
Gli influencer qua nessuno se li fila
Fare le dirette mi stava antipatico da prima
Asintomatico alla sfiga
Sono cresciuto come i peli sulle gambe alla tua tipa
Ma questo suona i funky, questo suona i tranqui
Perché ormai puoi darmi schiaffi solo con i guanti
Come la musica, tra alti e bassi, attimi infiniti
La vita è fatta di istanti, ma uniti

E se rispetto la distanza
Ché tanto tutto passa
Allora dimmi perché

Ho una voglia assurda
Di stare tra la gente, urlare come in curva
Cantare Acqua Azzurra, nudi in riva al mare
Perdere un po’ la testa
Stare in strada a ballare
Entrare ad ogni festa
Che poi sì, che ci importa stiamo qui
Fino all’alba con in tasca la felicità
Ci baciamo tutti

Ci baciamo tutti

E se potessi andare al mare ora sopporterei tutto
Anche quelli con il salvagente a fenicottero
E se in cielo vedo l’inviata di Non è la D’Urso
Mi tiro giù il costume e le faccio l’elicottero
Anche il fan di Brunori Sas ora sogna il club e Gig D’Ag
Perfino il pezzo estivo di J-Ax
Adoro il traffico della città
Il mio odio per la gente è sparito come i no vax
Al futuro penso poco perché mi manca il presente
E il passato vorrei fosse remoto
Tipo chat di gruppo, andrà tutto bene, non so
So solo che vorrò più bene a tutto

E se rispetto la distanza
Ché tanto tutto passa
Allora dimmi perché

Ho una voglia assurda
Di stare tra la gente, urlare come in curva
Cantare Acqua Azzurra, nudi in riva al mare
Perdere un po’ la testa
Stare in strada a ballare
Entrare ad ogni festa
Che poi sì, che ci importa stiamo qui
Fino all’alba con in tasca la felicità
Ci baciamo tutti

Ho una voglia assurda
Di scottarmi le spalle
Della sabbia dentro le scarpe
Ho una voglia assurda
Quando giocano in spiaggia
E la palla poi m’arriva in faccia
Che poi sì, che ci importa, stiamo qui
Fino all’alba con in tasca la felicità
Ci baciamo tutti