Venezia, sequestrata una piantagione di marijuana: un arresto

23

piantagione marijuana veneziaVENEZIA – La Guardia di Finanza di Venezia ha proceduto all’arresto in flagranza di reato di un soggetto italiano sospettato di gestire una piantagione di marijuana a Vigonza (PD) in un campo che costeggia l’autostrada A4 Venezia-Milano. Contestualmente si è proceduto a sequestrare e successivamente, previo prelevamento di campioni, a distruggere oltre 3.000 piante di canapa indiana con alto valore di THC e 113 kg di marijuana pronta ad essere commercializzata per finalità illecite.

L’attività si è sviluppata a seguito dei periodici controlli effettuati dai militari del Gruppo di Tessera presso i corrieri espressi operanti nell’aeroporto di Venezia, finalizzati alla repressione di illeciti in genere, tra cui l’importazione di sostanze stupefacenti. In particolare, nel corso della verifica di una spedizione, recante come mittente un mail box spagnolo e come destinatario un cittadino italiano residente a Padova, sono state individuate due distinte spedizioni recanti involucri di cellophane trasparente termosaldati e sottovuoto che a loro volta contenevano semi di cannabis. I preliminari accertamenti svolti dai Finanzieri avevano sin da subito evidenziato come tale qualità di cannabis fosse tra le più ricercate sul mercato europeo per l’elevato contenuto del principio attivo del tetraidrocannabinolo (comunemente conosciuto come THC).

Veniva quindi interessata la Procura della Repubblica di Padova e coinvolta la Sezione GOA del Nucleo di Polizia Economico-Finanziario di Venezia, quale unità del Corpo specializzata nella lotta al traffico di stupefacenti, che – unitamente ai colleghi di Tessera – ha svolto mirati accertamenti sul destinatario delle spedizioni. Veniva quindi accertato come lo stesso, a inizio marzo del corrente anno, avesse affittato un fondo agricolo nel Comune di Vigonza (PD) per una superficie totale di mq 25.000 con due capannoni (di circa mq. 3.500).

Le successive attività di osservazione e pedinamento del destinatario delle spedizioni, peraltro già con precedenti di polizia specifici nel settore degli stupefacenti, condotte dai militari della Guardia di Finanza di Venezia, permettevano di individuare il luogo di dimora del soggetto, gli automezzi utilizzati dallo stesso per gli spostamenti e di verificare come il predetto fosse il reale gestore del fondo agricolo. I Finanzieri riuscivano, in maniera occulta, anche a verificare la presenza di migliaia di piante nello stesso fondo a diverso stato di maturazione e di riscontrare la predisposizione di un articolato sistema di irrigazione.

Al momento dell’irruzione delle Fiamme Gialle veneziane, il soggetto indagato era intento a trasportare alcune piante, estirpate dal terreno, nel magazzino per procedere alla relativa lavorazione: prima venivano appese per farle essiccare e quindi venivano sfrondate per ricavarne così l’inflorescenza da commercializzare come stupefacente.

Nel corso delle perquisizioni, eseguite anche col supporto dei colleghi di Padova ed estese anche all’abitazione di Abano, venivano rinvenute oltre 3.000 piante nel campo, 65 kg di sostanza già pronta per lo smercio e stoccata nel magazzino prospicente il terreno agricolo, mentre nell’abitazione del soggetto sono stati rinvenuti ulteriori 48 kg di marijuana occultata in buste sottovuoto pronta per essere immessa in vendita, nonché 800 grammi di hashish già confezionati in ovuli.

Tutte le piante di canapa, una volta sottoposte a lavorazione, avrebbero prodotto circa 500 grammi di marijuana per arbusto, per un controvalore sul mercato al dettaglio di circa 2 milioni di euro.

Il responsabile della coltivazione, un padovano di 40 anni, è stato quindi tratto in arresto dalle Fiamme Gialle ed associato, sentita l’A.G. di Padova, presso la casa Circondariale di Vicenza.

Le indagini di polizia economico finanziaria eseguite per contrastare il traffico di sostanze stupefacenti, culminate con l’arresto del trafficante, testimoniano la costante azione del Comando Provinciale di Venezia a tutela della legalità e della sicurezza dei cittadini.