Violento temporale a Reggio Calabria, gli interventi dei Vigili del Fuoco

82

maltempo reggio calabriaREGGIO CALABRIA – Intorno alle 13 di ieri, un violento temporale si è abbattuto su Reggio Calabria. La pioggia, il forte vento e i numerosi fulmini caduti hanno causato notevoli disagi e numerose sono iniziate ad arrivare le chiamate di soccorso alla sala operativa del comando dei Vigili del fuoco. Le piogge hanno particolarmente interessato la fascia costiera, da Pellaro a Catona, provocando notevoli allagamenti e non poche difficoltà al traffico. Sono stati poco più di una trentina gli interventi effettuati dai Vigili del Fuoco in questa zona. Le altre aree maggiormente colpite dal maltempo sono state la zona sud del comune di Reggio Calabria e l’area compresa tra via Sbarre e viale Aldo Moro.

A complicare le cose, il disagio del maltempo si è sovrapposto all’orario di uscita delle scuole, così molti genitori che rientravano a casa con i figli sono rimasti con le autovetture in panne. Per affrontare tutte le richieste di soccorso, oltre alle squadre della sede centrale, sono state fatte confluire nelle zone interessate dagli allagamenti anche quelle dei distaccamenti di Melito Porto Salvo e Villa San Giovanni e anche il personale Sommozzatore. Proprio il personale del distaccamento di Melito Porto Salvo e i sommozzatori hanno effettuato l’intervento più significativo presso lo svincolo di San Leo, dove tre persone erano rimaste bloccate all’interno delle loro vetture.

I Vigili del Fuoco, anche con l’aiuto di altri automobilisti, hanno tirato fuori dall’acqua due persone che già risentivano dell’ipotermia a causa dell’acqua fredda. I Vigili del fuoco li hanno riscaldati e rifocillati a bordo del loro mezzo fino all’arrivo del 118. Nel frattempo i sommozzatori hanno collaborato a tirare all’asciutto le tre macchine rimaste in acqua. Uno degli autisti protagonisti dei primi soccorsi si è sentito male, sempre a causa dell’ipotermia, ed è stato prontamente aiutato dai Vigili del fuoco che lo hanno immediatamente coperto e tenuto al caldo, prima che il personale del 118 lo trasportasse in ospedale per le cure del caso. In tarda serata, finalmente, la situazione è tornata lentamente alla normalità.