Al sud il 18,5% dei giovani abbandona studio e formazione

Lavoro computerBARI – Il Mezzogiorno è l’area nella quale i giovani tra 18 e 24 anni con al piu’ la licenza media abbandonano sia lo studio che la formazione professionalizzante. Se, infatti, in media in Italia questi giovani sono poco meno del 14%, al Sud raggiungono il 18,5%, mentre al Nord si fermano all’11,3% e al Centro al 10,7%. E sono piu’ i maschi che le femmine a interrompere gli studi: i ragazzi meridionali sono ben il 21,5%, le ragazze del Sud il 15,2%.

Si tratta di elaborazioni SVIMEZ su dati ISTAT presentati a Roma nel corso del seminario su “Il sistema educativo nell’Italia dei dualismi. Una discussione a partire dal “Education&Training Monitor 2017”, organizzato dalla SVIMEZ e dalla Rappresentanza della Commissione europea in Italia. Al seminario, coordinato da Luca Bianchi, Direttore della SVIMEZ, sono intervenuti Daria Ciriaci, della Rappresentanza della Commissione europea in Italia, Francesco Avvisati dell’OCSE e Gaetano Vecchione, dell’universita’ federiciana di Napoli.

Al successivo dibattito hanno preso parte Adriano Giannola, Presidente della SVIMEZ, Francesco Sinopoli, Segretario della FLC-CGIL e Roberto Torrini, della Banca d’Italia, gia’ Direttore ANVUR. Dalle analisi e dal confronto sono emerse le profonde differenze territoriali, e soprattutto, come in alcune provincie, in particolare meridionali, quasi un giovani ogni quattro abbandoni la scuola o la formazione professionale. Cio’ comporta un troppo basso livello di competenze al Sud, che rende ancor piu’ difficile l’accesso al mercato del lavoro.